Commenta

Povertà e nuove forme
di aiuto, incontro
pubblico lunedì 28

Povertà e nuove forme di aiuto è il titolo dell’incontro pubblico che si terrà lunedì 28 novembre 2016 alle 17 al Palazzo della Carità della Fondazione Città di Cremona (piazza Giovanni XXIII), organizzato dal Comune di Cremona e dai partner del progetto Alleanza contro la povertà. Dopo il saluto delle autorità, sono in programma gli interventi di don Claudio Visconti, delegato regionale Caritas Lombardia, sul tema Vasi comunicanti, rapporto 2016 su povertà ed esclusione sociale, e di Giancarlo Rovati, direttore del Dipartimento di Sociologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, autore dell’indagine per conto di Banco Alimentare Food poverty, Food bank – aiuti alimentari e inclusione sociale. Infine Cristina Galetti, volontaria del Servizio Civile Nazionale al Forum del Terzo Settore di Cremona, presenterà la tesi di laurea Il recupero delle eccedenze alimentari, sfide e progetti. Seguiranno testimonianze di iniziative solidali cremonesi.

Il Settore Politiche Sociale del Comune, in questi ultimi anni, ha affrontato, nell’ambito di un cambiamento socio-economico significativo, problematiche d’impoverimento delle famiglie su diversi fronti: perdita o diminuzione del reddito, fragilità abitativa, difficoltà nel pagamento delle utenze (Sportello Bonus Gas ed Energia circa 3.000 richieste all’anno di cui oltre il 50% famiglie non in carico ai Servizi Sociali), difficoltà nel sostentamento della vita famigliare anche dal punto di vista alimentare. Da qui parte la co-progettazione di Accogliamo il bisogno!, progetto finanziato a valere sul Fondo Unrra (United Nations Relief and Rehabilitation Administration) – Ministero degli Interni, che parte dalla necessità di costruire interventi finalizzati ad aumentare sia la conoscenza reciproca tra gli operatori pubblici e privati, sia dei servizi di assistenza per persone in stato di marginalità sociale e di bisogno e delle loro specificità.

Il Comune ha ritenuto pertanto fondamentale fare rete innanzitutto con l’Alleanza contro la povertà che ha individuato al proprio interno, come partner di progetto, la Società San Vincenzo de’ Paoli – Consiglio centrale di Cremona per l’esperienza nel contrasto alla povertà. In questo modo diviene strategica l’integrazione dei diversi soggetti che operano in città e degli interventi che vengono realizzati per garantire efficacia, efficienza ed economicità. Gli obiettivi prioritari sono da un lato potenziare i servizi pubblici e privati per incrementare e monitorare la distribuzione di beni di prima necessità per le famiglie ed i singoli in stato di bisogno, dall’altro ampliare e rendere maggiormente accessibili le informazioni per la cittadinanza dei servizi offerti. Ed in questo percorso si inserisce, come momento di confronto e di analisi, l’iniziativa in programma lunedì 28 novembre.

La rete Alleanza contro le povertà si è costituita a Cremona nel 2014 grazie ad un finanziamento della Fondazione Cariplo sul Bando Volontariato, coinvolgendo un ampio gruppo di soggetti diversi ma accomunati dal contatto quotidiano con persone che vivono situazioni di povertà: Auser Volontariato Comprensorio di Cremona, San Vincenzo de Paoli – Consiglio centrale di Cremona, Acli Sede provinciale di Cremona, Forum Provinciale del Terzo Settore, Cooperativa sociale Altana, Caritas Cremonese, ARCI Cremona, Camera del lavoro territoriale di Cremona, UST CISL – Asse del Po Cremona Lodi Mantova, Camera sindacale e territoriale UIL di Cremona, Consorzio SOLCO Cremona. L’obiettivo generale dell’Alleanza è costruire un sistema stabile e duraturo di relazioni – fra i partner, altri soggetti del privato sociale e le istituzioni – per impostare un “sistema di allerta” capace di cogliere le situazioni di fragilità sociale nei contesti locali e, dove possibile, prevenirle.

LA LOCANDINA DELL’EVENTO

© Riproduzione riservata
Commenti