Commenta

Col nuovo logo decolla
l’Associazione Piper e cambia
il modo di pensare l’impresa

Vuole essere un modo nuovo di concepire la cultura d’impresa: per questo l’Associazione Piper deve avere un logo capace di interpretare al meglio questa sua identità. E venerdì 3 febbraio, alle ore 19, lo avrà. In una cornice assolutamente d’eccezione, quella di Palazzo Cittanova, a Cremona, avrà luogo infatti l’evento formativo dal titolo «Il cielo è sempre più blu – L’innovazione nell’arte per capire l’impresa». Evento, durante il quale verrà indicato il prescelto tra tutti gli elaborati pervenuti nell’ambito del progetto Log-Arti, che ha coinvolto i ragazzi della seconda liceo artistico “Munari” e della terza dello Ial di Cremona. Ai premiati verrà offerta la possibilità di partecipare ad un laboratorio del tutto particolare, guidato da un artista affermato.
Ma non è tutto. Prima della premiazione, sul palco, avrà luogo un racconto a tre voci, quella dello storico e critico d’arte Carlo Vanoni, del comico cabarettista di Zelig Leonardo Manera e del formatore Giampaolo Rossi, esperto di comunicazione e leadership. Spetterà loro il compito di tradurre l’innovazione nell’arte, da Giotto ad oggi, in una chiave di lettura utile per sviluppare le soft skills ovvero le competenze trasversali di ciascuno. L’iniziativa si pone in perfetta sintonia con la filosofia di fondo dell’Associazione Piper, che, pur essendo sorta da poco, pensa già in grande e punta ad essere per il territorio un luogo di riflessione, di confronto, di dialogo e di crescita, un luogo in cui arte e formazione, impresa e sociale possano insieme sviluppare nuovi linguaggi per comunicare il proprio essere azienda, suscitare nuove aspirazioni e nuove passioni, concepire in modo diverso le relazioni e le interconnessioni sociali, in una parola migliorare e progredire tutti insieme.
Perché, certo, il core business è importante in un’impresa, ma ancor più lo è puntare all’essenziale, volare alto e riuscire così ad oltrepassare i propri limiti, dando valore aggiunto alla propria vita ed al proprio lavoro.
Da qui il richiamo già nel nome, Piper, all’aereo leggero e versatile in grado d’esplorare il mondo da vicino, a bassa velocità, per poi spingersi oltre, passando dalla terra ovvero dalle radici e dal vissuto esperienziale sino al cielo ovvero alle aspirazioni ed alle passioni, da solcare con le ali degli Ideali.
E’, questo, lo stesso slancio, che spinse Pierluigi Guarneri a fondare con coraggio e lungimiranza l’omonimo Gruppo cremonese, cui fa capo la società di noleggio Eurotecno; slancio, dopo la sua scomparsa, fatto proprio dalla moglie, Gabriella Martani, e dai figli, che anche così hanno inteso raccoglierne l’eredità professionale e morale, un’eredità fatta prima di tutto di Valori e di Ideali: gli stessi che oggi vogliono decollare e prendere il volo con l’Associazione Piper.

© Riproduzione riservata
Commenti