Cronaca
Commenta5

Discarica San Rocco, dopo l'orario di chiusura entrano in scena selezionatori abusivi

Fotoservizio Francesco Sessa

Mancano pochi minuti alle 17. Gli operatori della piattaforma di separazione dei rifiuti di via San Rocco se ne stanno andando. Rimettono in ordine l’accesso, mettono i lucchetti ai cancelli e lasciano il lavoro. La giornata per loro è finita.

E’ il via libera. Passano pochi istanti e una decina di persone, finora nascoste dietro le baracche degli orti abusivi che costeggiano il colo La Morta, scavalcano la rete di recinzione e si appropriano della stazione di smaltimento. Adesso tocca a loro. Uomini, donne, ragazzi rom pronti a sostituire gli addetti alla separazione dei rifiuti ma in conto proprio, non per le tradizionali operazioni di riciclo messe in atto in città da anni con Aem e poi Linea Gestioni. Uno scatolone, un borsone per il ghiaccio, forse un tappeto, una sedia. Non si butta via niente. Così ogni sera. Ieri c’era il nostro fotografo Francesco Sessa a testimoniarlo.

C’è una economia parallela che spinge questi poveracci a dividersi gli scarti dei cremonesi, già selezionati, già scelti per tipologia e pronti per essere avviati all’industria del riciclo piuttosto che all’inceneritore: alcuni mobili da una parte – divani sfondati, sedie sbilenche, un tavolino -, i computer dismessi dall’altra, lampade, imballaggi, piatti rotti, il ferro, i materiali elettrici, la plastica, il vetro gli stracci. La discarica di Korogocho in Kenia– come racconta il comboniano padre Alex Zanotelli- dà da vivere a una comunità di migliaia di persone grazie alla selezione tra i rifiuti. Anche l’ex discarica di via San Rocco – con il Torrazzo che fa capolino da lontano – dove la civiltà del rifiuto sogna di riciclare tutto, ha i propri selezionatori notturni illegali che alle prime ombre della sera arrivano per la loro scelta incuranti delle sbarre abbassate, delle reti di recinzione e dei divieti. Solo ladri per bisogno oppure, come sussurra qualcuno, anche una banda alla ricerca di pezzi di ricambio?

 

Fotoservizio Sessa

san rocco 5

san rocco 4 san rocco 3 san rocco2 san rocco 5

 

© Riproduzione riservata
Commenti