Un commento

Imprese femminili, in regione
crescono mentre in provincia
calano sensibilmente

In provincia faticano le imprese femminili. Il calo è il più rilevante di tutta l’area regionale. In Lombardia le imprese femminili danno circa 400 mila posti di lavoro in regione su 2,3 milioni in Italia. Sono 155mila le imprese femminili con sede in Lombardia nel 2016, in crescita dell’1,2% in un anno, meglio della media italiana che si ferma al +0,7%. Milano è prima in regione con 52mila imprese seguita da Brescia (22mila) e Bergamo (17mila). Cresce Milano del 2% ed è superata solo da Monza e Brianza (+2,7%) mentre in Italia, che complessivamente conta quasi 1,2 milioni di imprese femminili, è seconda per numero di imprese dopo Roma (76mila) e precedendo Napoli (49mila) e Torino (44mila). Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese 2016.

Sul territorio cremonese attive nel 2016 5.339 imprese femminili. Lo 0,8% in meno rispetto all’anno prima.

Quasi un terzo (41mila) è attiva in regione nel commercio, 21mila nelle attività di servizi alla persona, 16 mila nell’alloggio e ristorazione, 15mila nelle attività manifatturiere.

© Riproduzione riservata
Tags
Commenti
  • Sorcio Verde

    Tutte le imprese calano in provincia, sia quelle gestite da uomini che quelle gestite da donne.