4 Commenti

Festa dei vicini annullata,
l'amministrazione: 'Le soluzioni
c'erano, ma dialogo interrotto'

AGGIORNAMENTO – “L’amministrazione comunale prende atto delle notizie diffuse a mezzo stampa da parte della Presidente del quartiere Po secondo le quali il direttivo sarebbe pronto alle dimissioni un mese prima della scadenza naturale, per motivi legati alla festa dei vicini, iniziativa annunciata e diffusa prima della fine della procedura prevista”. Interviene così l’la portavoce del sindaco a proposito della notizia dell’improvviso forfait del direttivo presieduto da Maria Luigia Bernuzzi.
“In merito a questa festa – si legge ancora nella nota diramata dal Comune –  l’Amministrazione precisa che l’organizzazione della stessa era al vaglio di tutti gli uffici, le modalità individuate avevano dei problemi di natura tecnica e di sicurezza. Si stavano tuttavia trovando delle soluzioni, anche di ridimensionamento o spostamento della manifestazione, già proposto da diversi giorni, soluzioni interrotte bruscamente dalla stessa Presidente, prima che la Giunta potesse esprimersi in via definitiva alla luce degli approfondimenti effettuati.

L’Amministrazione – si  conclude l’intervento – resta convinta dell’importanza dei comitati di quartiere come luogo di partecipazione, stimolo, confronto e costruzione di progetti comuni a favore della città”.

Era arrivata in tarda mattinata la notizia delle dimissioni in blocco del direttivo del quartiere 10 (Po), a causa della mancata autorizzazione comunale alla festa dei Vicini in programma per il prossimo fine settimana del 27 – 28 maggio. Grandissima la delusione della presidente Maria Luigia Bernuzzi, comunicata via mail  nella tarda mattinata di oggi a una serie di interlocutori (istituzionali e del quartiere) che sulla seconda edizione di questa iniziativa avevano già speso più di una mezza parola, tant’è che il comitato, e con la collaborazione dello stesso Ufficio periferie del Comune, aveva stampato e diffuso i volantini. All’origine del diniego, comunicato dall’assessore Rosita Viola alla stessa Bernuzzi con una mail venerdì 19 maggio, la mancanza delle condizioni di sicurezza, considerata anche la presenza di bombole di gpl e il grande numero di stand espositivi, addirittura un centinaio.

Momento clou della festa di quest’anno sarebbe stata la presenza di espositori di street food del gruppo “Passaparola”, che si sarebbero posizionati in via Oglio e via Ticino.

A quanto si apprende, il diniego è giunto dopo un approfondimento da parte  dei diversi uffici comunali coinvolti in merito sia alle condizioni di sicurezza della festa, per la grande quantità di espositori previsti, sia per la mancanza dell’iter autorizzativo necessario quando le manifestazioni comprendono sia l’esposizione di prodotti commerciali che di somministrazione bevande ed alimenti. In pratica, una festa dei vicini come quella che il Comitato aveva pensato, avrebbe dovuta essere inserita addirittura nel calendario regionale delle fiere e delle sagre.

Per la festa, il direttivo aveva già ottenuto il benestare degli uffici legati alla Mobilità (assessore Alessia Manfredini) e delle Periferie (Rosita Viola), tanto che proprio da quest’ultimo settore erano stati attivati gli allacci elettrici necessari, con Linea Più. La delusione e la rabbia del direttivo quindi non sembra rivolta a questi interlocutori politici, che anzi, nella mail inviata da Bernuzzi, vengono pubblicamente ringraziati, insieme al vigile di quartiere, al vicecomandante della Municipale Ferrari, al funzionario dell’ufficio periferie, Insomma, tutto bene fino ad una settimana fa e poi qualcosa è improvvisamente cambiato  tanto da far annullare la festa. Pare che il comitato si sarebbe reso disponibile anche ad un ridimensionamento delle iniziative, se fosse stato richiesto, per evitare quelle che creavano problemi insormontabili sul fronte autorizzativo.

Lo scorso anno qualcosa di simile, ma per motivi viabilistici, era accaduto anche in via Giordano, con il neo costituito comitato: festa dei vicini già in calendario e con tanto di locandine, alla fine di agosto e con chiusura parziale di un tratto di via Giordano, annullata dall’oggi al domani.

La locandina della festa dei Vicini, già in distribuzione nel quartiere 10 da una settimana

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sorcio Verde

    Cari cittadini…Votateli ancora la prossima volta…

  • paolo

    E se avessero provato a dipingere onde blu sull’asfalto delle vie interessate alla manifestazione?

  • brontolo

    Sicuramente la nn autorizzazione poteva arrivare prima che venisse tutto pianificato e organizzato…anche poiché dietro a questi eventi c é un grande impegno sia fisico che mentale da parte di chi se ne occupa.detto questo bisogna anche dire che quando certi eventi superano determinate dimensioni e vanno anche a trattare la distribuzione di cibi e bevande…beh l iter delle autorizzazioni cambia e nn di poco…secondo me ci sono colpe da entrambe le parti e mi dispiace che il direttivo abbia preso una decisione cosi drastica…e cmq nn penso che dipenda dall orientamento politico della giunta come ho letto nei commenti…

    • Sorcio Verde

      Quali commenti? Dove sono i commenti che riguardano l’orientamento politico?