Commenta

Bi. Genitori Onlus: dalla
Regione misure a sostegno
per genitori separati

L’Associazione Regionale Bi. Genitori Onlus è presente sul territorio cremonese e mantovano con Spazi di Ascolto Orientato per fornire informazioni e consulenze gratuite ai genitori che si trovano ad affrontare una separazione o un divorzio. Ci occupiamo in particolare di situazioni che coinvolgono figli minori con azioni mirate nel rispetto della L. n.54/2006 sull’Affido Condiviso ed al fine di garantire l’affermazione del Principio di Bigenitorialità. L’Associazione, inoltre, promuove sui territori di interesse, in sinergia con Regione Lombardia, Comuni, ASST e ATS, Ordine degli Psicologi della Lombardia, convegni e seminari informativi per sensibilizzare.

Regione Lombardia con la legge 18/2014 ha introdotto delle misure a sostegno per i genitori separati che a causa della crisi famigliare si trovano in particolari situazioni di disagio. Per quest’anno spiegano i Consiglieri Regionali Carlo Malvezzi e Federico Lena (che da tempo accompagnano le attività dell’Associazione) la Regione ha previsto l’erogazione di un contributo economico per l’abbattimento del canone di locazione a favore del genitore intestatario di un contratto di affitto e in possesso dei requisiti previsti dalla normativa.

I genitori in possesso delle caratteristiche richieste possono presentare la domanda di contributo fino al 20 dicembre presso le sedi ASST di competenza: ci si deve rivolgere alle ASST o di Cremona o di Mantova. A fronte dell’istruttoria positiva delle ASST, l’AST della Val Padana liquiderà il contributo richiesto in un’unica soluzione entro sei mesi dall’accoglimento della domanda. Massimo Brugnini (Presidente) precisa che l’Associazione si rendere disponibile a fornire le necessarie informazioni   per indirizzare i genitori presso gli uffici competenti, avendo attivato un link di collegamento dedicato sulla home page www.bigenitori.it L’Associazione, infine, nell’obiettivo di tutelare i diritti dei bambini, affermando e sostenendo il ruolo di entrambe i genitori, sta collaborando con alcuni Comuni per l’istituzione del Registro della Bigenitorialità, quale strumento amministrativo finalizzato a facilitare i genitori nell’esercitare consapevolmente il loro ruolo in termini di diritti, doveri e responsabilità.

© Riproduzione riservata
Commenti