2 Commenti

Viabilità Giordano-Cadore,
i presidenti di 7 quartieri al
Comune: 'Vogliamo soluzioni'

Mentre in Comune il comitato dei garanti inizia il proprio lavoro di esame del quesito referendario sulla Strada Sud, i residenti di molti quartieri cittadini salgono sulle barricate, con una lettera inviata al sindaco Gianluca Galimberti in cui chiedono qualche certezza sulla viabilità del comparto Giordano-Cadore, per la quale da parte del Comune non è ancora pervenuta alcuna ipotesi risolutiva.

La missiva è firmata con i nomi dei presidenti di ben sette quartieri: del Quartiere 9 (Giordano-Cadore), Maria Cristina Arata, del Quartiere Po, Maria Luigia Bernuzzi, del quartiere Centro, Paolo Marcenaro, del quartiere Boschetto-Migliaro, Gianni Tamburini, del Quartiere 5 (Borgo Loreto – S. Bernardo – Naviglio), Silvia Belicchi, del Quartiere 11 (Cascinetto-Villetta-Concordia), Rosa Maria Grazia Tozzi, del Quartiere 15 (Bagnara – Battaglione – Gerre Borghi), Luciano Losi.

“Dopo l’incontro del 16 maggio 2016 tra i presidenti dei quartieri 9-10-15-16, i più coinvolti dalle modifiche alla viabilità proposte con il progetto preliminare di Riqualificazione Giordano-Cadore, e dopo la stesura di una lettera condivisa dai quattro Presidenti, nella quale si sollecitava l’Amministrazione ad approfondire tale progetto coi Quartieri, dobbiamo convenire che a tutt’oggi oltre tale progetto preliminare con criticità e non risolutivo della situazione veicolare in via Giordano, non è stata ancora approntata alcuna soluzione riducente il traffico” attacca la missiva.

“Inoltre, la situazione è destinata a peggiorare con il parcheggio alle spalle del colorificio Piccioni e il supermercato Conad nell’area ex-Snum. Chiediamo, pertanto, a questa amministrazione concretezza dopo le varie ipotesi di fattibilità che puntualmente vengono presentate da tre anni a questa parte ed il rispetto del programma elettorale del Sindaco in cui si prospettano interventi risolutivi per via Giordano. Si resta in attesa di una risposta dell’Amministrazione in merito a quali interventi intenda attuare e in che tempi, per risolvere le problematiche di via Giordano che coinvolgono l’intero comparto sud della città”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Dott. Landi Roberto

    Le conseguenze delle scelte sconsiderate di questa Amministrazione (nello specifico la cancellazione della strada Sud, ma l’elenco sarebbe lunghissimo), dettate da considerazioni demagogiche sono a tal punto evidenti da provocare prese di posizione sempre più trasversali e diffuse. Se da un lato è confortante che a denunciare l’inettitudine di Galimberti non sia più solo qualche vox clamantis in deserto, ma settori sempre più vasti della società civile, dall’altro è inutile farsi troppe illusioni. Il nostro, sordo come sempre a qualsiasi critica, farà spallucce o troverà qualcuno cui dare la colpa. Ovviamente dello schieramento avverso…

    • Mirko

      Per me non va fatta la strada sud