Cronaca
Commenta

Laurea in restauro strumenti musicali: inaugurati i nuovi spazi a palazzo Fodri

Fotoservizio Sessa

Inaugurati questi mattina i nuovi spazi al piano terra di palazzo Fodri, dove verranno trasferiti i corsi in restauro in strumenti musicali antichi dell’Università di Pavia, dipartimento di Musicologia e Beni culturali. Già attivati dallo scorso anno accademico presso la sede di Cr.Forma, con il nuovo anno studenti e strumentazione si trasferiranno nel prestigioso palazzo di proprietà di Fondazione Città di Cremona, nella parte più moderna, con ingresso in via Gerolamo da Cremona (da cui è stata tolta proprio ieri l’impalcatura per la sistemazione delle coperture).

Il coro dei ragazzi di Musicologia (nella sala destinata al coro Costanzo Porta che qui ha la sede) ha aperto la giornata, a cui hanno fatto seguito gli interventi dei Uliana Garoli (Fondazione Città di Cremona), del sindaco Gianluca Galimberti, del magnifico rettore dell’università di Pavia Fabio Rugge e del direttore di Musicologia Giancarlo Prato, del rappresentante di Fondazione Cariplo Renzo Rebecchi, che attraverso il Distretto culturale della Liuteria presso il Comune ha reso possibile l’avvio  dell’operazione che segna un ulteriore rafforzamento della presenza universitaria a Cremona, dopo le sinergie messe in atto con Politecnico e Cattolica.

Come ha spiegato Galimberti, “è il sistema quello che rende unico il nostro territorio. Perchè un territorio diventi unico come ecosistema servono infrastrutture fondamentali e queste sono: centri di sapere, centri di conoscenza, centri di ricerca e innovazione, uniti all’artigianato artistico. Se non avessimo deciso di aprire questa rotta precisa io penso che anche l’artigianato artistico liutario cremonese non reggerebbe alla competizione internazionale che è fortissima.  Questa laurea è fondamentale per Cremona e per il Paese”. Galimberti ha poi annunciato che all’interno del Distretto culturale della Liuteria sarà fondamentale la partnership con le categorie economiche, perchè università, ricerca e mondo produttivo non devono andare disgiunti.

I lavori di restauro del complesso sono stati portati avanti da Fondazione Città di Cremona tramite l’architetto Signorini e il geometra Odelli. All’interno di un complesso storico di origine rinascimentale, Fondazione ha voluto puntare su un arricchimento ulteriore del Fodri, dove già sono attivi diversi progetti culturali e artistici. “Con i laboratori di Restauro – ha commentato la presidente dell’Ente Uliana Garoli – puntiamo a far sì che tutte le realtà ospitate al Fodri possano contaminarsi fra loro”.
Poli culturali e strutture come quelle inaugurate al Fodri “rendono orgogliosa l’Università degli Studi di Pavia” ha dichiarato il Rettore dell’ateneo Fabio Rugge. Al termine degli interventi, il taglio del nastro e la prima visita ufficiale degli spazi, delle aule e delle strutture oggetto degli sforzi dell’ufficio tecnico coordinato dall’architetto Signorini e dal geometra Odelli.

Il corso accademico, destinato ad un numero ridotto di studenti, è l’unico in Italia a rilasciare il titolo abilitante alla professione di restauratore di strumenti musicali, strumentazioni e strumenti scientifici e tecnici.

g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti