Cronaca
Commenta3

Incrocio Ghinaglia-Sesto pericoloso per le due ruote: la segnalazione

Un lettore appassionato di cicloturismo, Francesco Badalotti, segnala la situazione venutasi a creare all’intersezione di via Sesto con via Milano/Ghinaglia. “Ormai da parecchio tempo – scrive – si sono conclusi i lavori stradali per uno scavo sul citato incrocio mentre il ripristino della segnaletica orizzontale non è mai stato effettuato e la situazione è quella che chiunque può constatare ogni giorno. Oltre al marciapiede, esiste un percorso ciclopedonale con direzione dal passaggio a livello ferroviario verso la periferia ed il punto potenzialmente pericoloso è proprio l’attraversamento di via Sesto per proseguire lungo la via Milano a causa della completa mancanza della specifica segnaletica orizzontale sia per i pedoni che per i ciclisti. Se poi concentriamo l’attenzione sul miserevole stato della segnaletica ciclabile pochi metri prima dell’incrocio, sembra che emergano in superficie i vari strati geologici sottostanti (salvo che il Comune sia intenzionato ad intraprendere una campagna di scavi archeologici in loco….)”.

“Purtroppo – conclude sarcasticamente il ciclista –  l’intenso transito di ciclisti e pedoni potrebbe arrecare danni e potenziali pericoli a quegli sfortunati veicoli che da via Sesto si devono immettere nel disordinato e incivile traffico ciclopedonale che giornalmente opprime via Milano. Al fine di evitare il ripetersi di spiacevoli incidenti stradali con danni più o meno gravi a cose o persone non vorremmo sentire il solito e anche comodo ritornello del non ci sono i soldi, non abbiamo il personale, ecc, ecc. Ora basta”.

© Riproduzione riservata
Commenti