Commenta

Le istituzioni cremonesi a
Mantova alla manifestazione
contro le mafie

Le istituzioni cremonesi, rappresentate dall’assessore Rosita Viola, dalla presidente del Consiglio comunale di Cremona Simona Pasquali e dal presidente del Coordinamento provinciale degli Enti Locali per la Pace di Cremona e provincia Rosolino Azzali, hanno partecipato alla manifestazione regionale tenutasi a Mantova in occasione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie promossa da Libera, associazioni, nomi, numeri contro le mafie.

I rappresentanti delle istituzioni locali si sono così uniti a quelli di Libera Cremona, Arci, del Comitato Soci Coop, dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e delle Acli, agli studenti degli istituti scolastici aderenti al Centro di Promozione della Legalità Cremona (Manin, Ghisleri, Stanga, Stradivari, Torriani, Vida, Virgilio), ai rappresentati anche dalla Consulta provinciale degli studenti di Cremona.

Sono stati tre i pullman partiti dal territorio cremonese per rafforzare nella memoria e nella conoscenza delle storie di oltre mille vittime di mafia, l’impegno contro la criminalità organizzata, la cui presenza nei nostri territori è sempre più radicata. Mantova è stata scelta come città per ospitare la manifestazione in quanto coinvolta, insieme a Cremona, nelle ultime inchieste e condanne relative all’infiltrazione della criminalità organizzata di stampo mafioso. In particolare il processo Pesci, le cui condanne di primo grado (per 120 anni di reclusione totali) hanno confermato il grave impianto accusatorio dei Pm della Dda bresciana, Claudia Moregola e Paolo Savio, riconoscendo il profondo radicamento della ‘ndrangheta a Cremona e Mantova.

Un impegno contro la criminalità organizzata e la mafia che è quotidiano e che, in questa particolare circostanza, ha coinvolto diverse realtà cittadine come le librerie che hanno aderito all’invito ad allestire scaffali e vetrine su questo tema.

© Riproduzione riservata
Commenti