Commenta

Cremonese,
rinnovata la fiducia
a Tesser e Giammarioli

Attilio Tesser e Stefano Giammarioli (foto Sessa)

Piena fiducia a mister Tesser e al DS Giammarioli. Alla ripresa della settimana di allenamenti in vista del prossimo impegno con il Palermo arriva il comunicato della società. Si prosegue così, non si cambia, nonostante il momento difficile e i risultati negativi, tutti uniti verso l’obiettivo salvezza. La società ha deciso di fare quadrato così come un anno fa dopo la sonora sconfitta con il Piacenza che aveva ridato slancio alla squadra verso la promozione.

La proprietà dell’U.S. Cremonese e la Società, dopo un’attenta e approfondita analisi della situazione venuta a crearsi in conseguenza dei recenti risultati sportivi negativi, rinnovano piena fiducia nell’operato dell’allenatore Attilio Tesser e del suo staff tecnico, del direttore sportivo Stefano Giammarioli e nella squadra, con la consapevolezza che è attraverso la serenità, la coesione e la qualità del lavoro quotidiano di giocatori e staff che si potrà superare questo complicato momento. La proprietà e la Società ringraziano i tifosi grigiorossi per non aver mai fatto mancare il loro sostegno nei confronti della squadra, con la certezza di averli al nostro fianco sino alla fine del campionato.

L’obiettivo è davvero difficile, perché alle difficoltà di approccio alla gara si sommano gli infortuni di giocatori determinanti. Tre sconfitte consecutive che bruciano per come sono maturate ma soprattutto perché compromettono una situazione di classifica che stava sorridendo alla Cremonese, lanciatissima nel girone di andata e capace di sprofondare fino alla 13^ posizione a sole 5 lunghezze dai play out. Il 4 a 0 con il Foggia mostra una Cremonese piegata sulle ginocchia, incapace di reagire. Fino a sabato non aveva mai perso con più di un gol di scarto e aveva sempre mostrato una reazione di carattere.

Con il Foggia  la crisi è emersa con tutta la sua gravità. Hanno pesato le assenze per infortunio di giocatori determinanti sul lato tecnico, ma anche caratteriale, Paulinho e Brighenti su tutti, ha pesato l’impossibilità di far rifiatare chi dal dopo sosta ha giocato tutte le partite a causa di una panchina troppo corta rinfoltita talvolta da elementi della Primavera.

L’obiettivo però è ancora lì a portata di mano, è necessario ritrovare forze fresche, recuperare giocatori e ripartire dalla forza del gruppo. C’è attesa per sapere quando Paulinho potrà riunirsi alla squadra, in settimana previsto l’accertamento che dovrebbe dare l’ok al suo rientro in gruppo e nelle prossime ore potrebbe arrivare anche la decisione di un ritiro anticipato per lavorare in serenità in vista di una sfida sulla carta quasi impossibile, come Davide contro Golia. Forza Cremo, non tutto è ancora perduto.

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti