2 Commenti

Una Cremo superlativa
batte 5-1 Venezia e firma
per un altro anno in B

Fotoservizio Sessa

Cremonese – Venezia 5-1

Cremonese (4-3-3): Ujkani; Canini, Claiton, Marconi (dal 45’pt Garcia Tena), Renzetti; Arini, Pesce, Croce; Piccolo (dal 19’st Macek), Brighenti, Perrulli (dal 33’st Gomez). All. Mandorlini
A disp.: Ravaglia, D’Avino, Sbrissa, Cavion, Scamacca, Scappini, Camara, Cinelli.

Venezia (3-5-2): Audero; Cernuto (dal 11’st Geijo), Modolo, Domizzi; Bruscagin, Falzerano, Stulac, Suciu (dal 19’st Fabiano), Garofalo; Litteri (dal 32’st Zigoni), Marsura. All. Inzaghi.
A disp.: Vicario, Russo, Andelkovic, Bentivoglio, Soligo, Firenze, Frey, Zampano, Del Grosso.

Arbitro: Riccardo Pinzani della sezione di Empoli, coadiuvato dagli assistenti Luigi Rossi di Rovigo e Pasquale Capaldo di Napoli. Quarto ufficiale è il Marco Piccinini di Forlì.

Gol: 2’pt Canini, 45’pt Litteri (r); 5’st Piccolo (r), 34’st Pesce, 45’st+4 Arini, 45’st+5’ Macek.

Ammoniti: Bruscagin, Pesce, Arini, Ujkani, Domizzi

Corner: Cremonese 4, Venezia 5

Parte subito forte la Cremonese trascinata dal pubblico dello Zini e al primo affondo passa sugli sviluppi di un corner, battuto da Perrulli dalla destra di Audero. Canini tocca di testa e Modolo corregge a rete. Al 22’ gol annullato per fuorigioco a Bruscagin che di testa mette in rete una respinta di Ujkani. Al 32’ Pesce dalla distanza sfiora il palo. Poi solo Cremonese per idee e possesso palla con Perrulli e Piccolo indiavolati che non lasciano punti di riferimento. Nel finale di tempo si fa male Marconi che viene portato fuori dal campo in barella per un problema muscolare. Solo il tempo di riprendere il gioco e Claiton in area tocca con la mano, per l’arbitro è rigore e Litteri trasforma. Squadre al riposo sull’1 a 1.

Torna in campo la Cremonese ben determinata a ritrovare il vantaggio, Perrulli con i suoi cambi di direzione trae in inganno la difesa dei veneti che lo ferma in area. Rigore che Piccolo trasforma riportando in vantaggio i grigiorossi. Al 7’ Litteri colpisce un palo sugli sviluppi di un corner. Al 25’ Macek dal centro dell’area impegna Audero in due tempi. La Cremonese soffre ma ci mette grinta e carattere e mantiene il pallino del gioco. Al 35’ Pesce dalla distanza segna il terzo gol grigiorosso. Un minuto Brighenti sfiora il palo. Il finale è una festa, a tempo scaduto 4-1 di Arini e poi Macek porta a 5 le marcature per una Cremonese che saluta il pubblico dello Zini con un bellissimo 5 a 1 che vuol dire salvezza.

Cristina Coppola

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Silvio Mandelli

    Grazie cuore grigiorosso

  • MENCIA

    bene un altro anno di B