10 Commenti

Disco orario in via del Macello
Legambiente: 'Parcheggiare
sottocasa non è un diritto'

foto Sessa

Continua il dibattito attorno all’istituzione di una decina di stalli a rotazione con disco orario di un’ora, in via del Macello, davanti alla sede di Padania Acque. Una scelta che ha incassato il parere negativo dei residenti dei caseggiati di fronte, esacerbati anche dal fatto che appena qualche giorno prima era stato tracciato un ultimo tratto di pista ciclabile di connessione con quella di via dei Cappuccini, togliendo in questo modo spazio per la sosta e la fermata.

Ora sul tema interviene il circolo cremonese Vedo Verde di Legambiente. “Quando si acquista un’automobile – scrive a nome del direttivo la presidente Giovanna Perrotta – non si acquista anche il diritto al parcheggio gratuito e magari sottocasa. Per noi di Legambiente è un’ovvietà: un privato che chiede l’occupazione regolare e continuativa di uno spazio pubblico dovrebbe riconoscere qualcosa al Comune: una tariffa oraria/giornaliera o la sosta limitata da disco orario davanti a strutture di pubblico uso. Il diritto al parcheggio sottocasa non è sancito nè dalla Costituzione nè dal Codice della Strada: è un vizio e una anomalia tutta italiana e quindi anche cremonese. Sosteniamo da sempre che i parcheggi gratuiti peggiorano il traffico, aumentano l’inquinamento e il rumore, oltre a costituire un costo non indifferente distribuito tra tutti i cittadini, anche quelli che non usano l’auto per spostamenti in città e hanno investito nell’acquisto di un garage. Le presenze di parcheggi incoraggiano l’uso delle auto private anche per piccolissimi spostamenti a scapito di mezzi alternativi, auto private che sono diventate grandi e ingombranti, richiedono sempre più spazio, strade più larghe e tanti parcheggi. Da sempre richiediamo più trasporto pubblico e meglio organizzato, più piste ciclabili e pedonali e quindi città più vivibili”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Mario Rossi SV

    Anche scrivere stupidaggini non é un diritto per Legambiente, tutte queste organizzazioni come i verdi, gli ecologisti, e in generale tutti gli pseudo ambientalisti rappresentano si e no il due o tre per cento perciò sono solo una sparuta minoranza.
    Quando hanno ottenuto alleanze con altri partiti hanno portato sventura, sono solo destinati a scomparire come chi li appoggia. Il 26 maggio si avvicina anche por loro…tic-tac, tic-tac…

    • Blizzard

      Sono pienamente d’accordo con te ……….. solamente a metà ………. (non mi piacciono le grandi speranze che riversi nel 26 maggio), però queste organizzazioni che sono contrarie a tutto veramente hanno stufato e soprattutto il fatto di essere sempre contrari fa perdere loro credibilità.

      • Mario Rossi SV

        Allora ti spiego…Ti rammento che il 26 maggio ci saranno le europee assieme alle comunali. Nel 2014 Renzi con la mancetta degli 80 euro trascinò il Pd al 41% e di conseguenza anche per le amministrative ci fu per la sinistra un vantaggio enorme. Il prossimo anno gli elettori saranno,dopo 10 anni di ristrettezze, inc@zzati neri con un Europa capace solo di mettere vincoli e dettare norme incomprensibili ai più,ma quando ad esempio deve ricevere gli immigrati si gira dall’altra parte.Saranno avvantaggiati i partiti euroscettici.
        Ora il pd é al 16/17 % in calo continuo, mentre la Lega é 30/32% a livello nazionale che nelle nostre zone vuol dire anche il 40% aggiungici il 10 di FI e il 3/5% di FdI vai già oltre il 50% motivo per il quale non ci sarà neanche bisogno del 2*turno. Questo indipendentemente da chi si presenterà come candidato…Galimberti all’epoca era quasi sconosciuto ma vinse per i motivi elencati e l’anno prossimo chiunque vada contro di lui, vincerà.

  • Illuminatus

    Complimenti davvero, erano anni che non leggevo un articolo che si commentasse così bene da solo.

  • brontolo

    Invece quello che dice é un dato di fatto e assolutamente vero. Non esiste un diritto al parcheggio ma invece esiste un obbligo ad usare i garage adibiti a rimessaggio auto per questo scopo invece che questi spesso assomigliano piu a delle officine,talmente pieni di scatole e attrezzi che spesso la macchina neanche ci puo entrare.

    • Illuminatus

      “esiste un obbligo ad usare i garage adibiti a rimessaggio auto”.
      Ah sì? Anche se non hai nemmeno l’auto? E quale è la legge, ti dispiace elaborare? E chi l’ha firmata, Pol Pot o Kim Jong Un?

    • Mario Rossi SV

      Si, e che diritto ha un ciclista di parcheggiare la bici ?(tra l’altro non paga neanche il bollo…)

      • Illuminatus

        Ottimo punto.

  • ciclo-pe

    “Ove è possibile, tutti parcheggiano davanti a casa!” Giusto, ove è possibile, quindi il parcheggio sottocasa, a meno che sia privato, non è un diritto acquisito come giustamente scrive Legambiente. Se c’è il parcheggio pubblico si può parcheggiare altrimenti no, poi, se il parcheggio è pubblico e non regolamentato, va a finire che qualke furbetto senza garage ci parcheggia la seconda e terza auto, il camper, il furgone e li lascia li col diritto di chi è arrivato prima finchè gli fa comodo. Oppure, come succede al Quartiere Po e in altre zone residenziali intorno al centro, i parcheggi sottocasa vengono riempiti per tutta la giornata dalle auto che entrano in città dall’interland, per di più a gratis e inquinando, s’intende. Gli unici parcheggi dove si può pretendere di sostare davanti casa sono quelli privati o a pagamento, se si trova il posto. Chiarito questo concetto tutto sommato abbastanza semplice, mi pare che Legambiente faccia un ragionamento sulla qualità dello spazio pubblico che, capisco, possa non trovare consenso da parte di chi ritiene che le città debbano essere fatte a misura d’automobile solo perchè paga si paga bollo.

    • Illuminatus

      “i parcheggi sottocasa vengono riempiti per tutta la giornata dalle auto
      che entrano in città dall’interland, per di più a gratis e inquinando”.

      Bene, secondo Lei anche chi arriva da fuori deve arrivare in bici? O col pallone aereostatico? Certo, molti arriverebbero con i treni, se non venissero soppressi e cancellati al punto da renderli inaffidabili. Scusi ma il Suo commento non trova molto riscontro con la realtà.