Commenta

Inaugurato il Park Run
Presenti anche i
bambini della Manzoni

Il primo Park Run, percorso podistico ma non solo, in provincia di Cremona è realtà. L’apertura ufficiale si è tenuta nel primo pomeriggio di oggi, lunedì 8 ottobre, presenti il Sindaco Gianluca Galimberti, l’Assessore con delega allo Sport Mauro Platè, l’Assessore al Territorio Andrea Virgilio, l’Assessore alla Vivibilità sociale Rosita Viola, la dirigente del Settore Settore Sviluppo Lavoro, Area Omogenea e Ambiente del Comune Mara Pesaro, Cinzia Galli, Conservatore del Museo di Storia Naturale, i rappresentanti della neonata associazione ‘Corri in Cremona’ nonché delle aziende che hanno permesso la realizzazione di questo percorso podistico e naturalistico.

L’iniziativa, evidenzia l’Amministrazione attraverso una nota stampa, è frutto della stretta collaborazione tra pubblico e privato tesa alla valorizzazione del Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) del Po e del Morbasco, in particolare della zona compresa tra il Parco Caduti di Nassirya e la zona circostante Cascina Moreni, sede della Fondazione omonima (Parco Morbasco Sud). Un valido esempio di cittadinanza attiva, come ha tra l’altro sottolineato il Sindaco Gianluca Galimberti. Presenti gli alunni delle classi terza A e B della Scuola primaria ‘A. Manzoni’, ha fatto da speaker e da accompagnatore lungo il percorso Samuele Morenghi della Compagnia Corridori Cremonesi, mentre Cinzia Galli ha illustrato le principali caratteristiche di questa vasta zona verde fruibile da tutti.

Il percorso si sviluppa su un circuito di 2 km, con fondo misto su cui è possibile correre con scarpette da corsa ed è segnata la distanza raggiunta ogni 500 metri. L’inizio del tracciato può essere raggiunto da tre ingressi di questa zona del PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) del Po e del Morbasco: via Trebbia dal Parco Caduti di Nassyria, via Trebbia (scuola Virgilio) e via 1° Maggio. La particolarità di questo Park Run è che vi è una cartellonistica speciale, con una facciata podistica e una facciata botanica-faunistica.

L’idea di creare un Park Run, sottolinea l’Amministrazione, è nata da un gruppo di podisti. Dal canto suo il Comune di Cremona, riconoscendo la validità del progetto, ha curato la parte didattica botanica-faunistica ed eseguito i lavori necessari sull’area. L’idea ha preso forma grazie anche a realtà imprenditoriali locali: Consorzio Edile e Studio Tecnico F.lli Della Rovere, che ha fornito e installato le strutture a sostegno della cartellonista, Farmazoo che, insieme alla Holis Medical Center e a Tutto di Corsa, ha contribuito allo studio grafico. Significativo inoltre il sostegno di alcune realtà sportive locali Duathlon Triathlon Cremona, Triathlon Stradivari e 3C Compagnia Corridori Cremonesi.

Ai tre ingressi del circuito, dal Parco Caduti Nassyria, da via Trebbia e da via 1° Maggio sono posizionati i cartelloni con la mappa su cui è riportato il percorso e l’indicazione della posizione in cui uno si trova. Inoltre vi sono indicati i due punti fitness, uno in mezzo al verde e uno su fondo asfaltato, che potranno essere un luogo di ritrovo per gruppi che vorranno praticare attività fisica insieme. A destra del cartellone si trova una sezione tecnica con alcuni suggerimenti per la fase di riscaldamento e preparazione che può essere utile sia ai podisti che ai camminatori.

Ogni 500 metri percorsi si trova quindi un cartello con la mappa con l’indicazione del punto raggiunto, la distanza percorsa e alcune indicazioni tecniche per la corsa/camminata. Tutta la segnaletica, sulla facciata opposta a quella podistica, è un viaggio nella conoscenza della flora e della fauna del del PLIS del Po e del Morbasco. Lo scopo di questo progetto divenuto realtà è quindi quello di “incentivare l’attività fisica e l’esercizio all’aperto, immersi nella natura, unendo lo sport alla conoscenza delle piante e degli animali presenti in questo grande parco cittadino”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti