Commenta

Regime dell'Arte, conferenza
del co-curatore Bona a
Piacenza il 27 novembre

La mostra Il Regime dell’Arte – Premio Cremona 1939-1941 approda in terra piacentina. Martedì 27 novembre, alle ore 18.00, a Piacenza, nella Sala Panini di Palazzo Galli della Banca di Piacenza, Rodolfo Bona, curatore della mostra insieme a Vittorio Sgarbi. L’iniziativa, promossa grazie alla collaborazione della Banca di Piacenza, è volta ad illustrare l’esposizione cremonese in corso al Museo Civico Ala Ponzone.

“Il 10 luglio del 1938 il quotidiano cremonese ‘Il Regime Fascista’, dava la notizia dell’istituzione del Premio Cremona. Nell’inverno del 1988, poco prima della sua prematura scomparsa, Elda Fezzi, intuendone l’importanza, iniziava a studiare questo argomento con l’intelligenza e la passione che avevano sempre contrassegnato il suo lavoro di critico e di storico dell’arte, immaginando una mostra che non riuscì mai ad allestire. A trent’anni di distanza abbiamo provato a realizzare questo suo desiderio pensando, in questo modo di restituire a Cremona un pezzo della sua storia attraverso le forme e i colori magnifici della pittura”.

Così aveva dichiarato il giorno dell’inaugurazione al Museo Civico lo stesso Rodolfo Bona al quale spetterà il compito di presentare al pubblico piacentino questa particolare mostra che consente, in modo sofisticato e imprevedibile, di ricostruire un preciso periodo storico con l’intento di riabilitare un’arte ripudiata, ritenuta impresentabile e indegna di attenzione, vittima di un giudizio inevitabilmente condizionato da quello negativo sul fascismo.

© Riproduzione riservata
Commenti