Commenta

Sperlari verso nuove
acquisizioni: da Cremona
offerta per salvare Pernigotti

A pochi giorni dal media day in cui Sperlari ha comunicato alla stampa le proprie intenzioni di rilancio e fresca del successo ottenuto con la Festa del Torrone, che si sta svolgendo in questi giorni a Cremona, per il colosso cremonese del dolce arriva la voce di una nuova acquisizione: si tratta della Pernigotti, oggi proprietà della holding turca Toksöz, che aveva dichiarato di voler chiudere lo stabilimento di Novi Ligure per portare la produzione in Turchia.

L’azienda di Cremona, che da circa un anno è entrata nel gruppo della tedesca Katjes international, avrebbe infatti avviato una trattativa con l’azienda turca. A riportare la notizia è il Corriere della Sera, a cui la proprietà non ha confermato ne smentito la trattativa in corso.

Si tratterebbe di un’operazione condotta proprio dall’Italia, e quindi da Sperlari Srl, mirata a integrare due brand italiani storici nel campo del dolce. Sempre secondo indiscrezioni, sembra che Sperlari abbia espresso la volontà di non ridurre il personale nello stabilimento piemontese, dove lavorano circa 200 dipendenti. Naturalmente si tratta di un’operazione ancora in corso d’opera, condotta in prima persona dall’amministratore delegato di Sperlari, Piergiorgio Burei, che se andasse a buon fine porterebbe al salvataggio non solo di posti di lavoro, ma anche di un marchio italiano storico.

© Riproduzione riservata
Commenti