6 Commenti

Maxi rissa alla stazione
dei pullman, quattro
giovani in manette

Si erano dati appuntamento per un regolamento di conti, futili motivi di rivalità giovanili, e avevano innescato una maxi rissa al piazzale delle ex tranvie, davanti a centinaia di studenti: sono così finiti in manette quattro giovani.

La vicenda si è verificata nei giorni scorsi, quando alla Centrale Operativa della caserma “S. Lucia”,sono giunte in pochi minuti decine di telefonate da parte delle persone presenti sul piazzale. Giunti sul posto i carabinieri hanno trovato una decina di giovani, tutti con il turbante, che si stavano picchiando, alcuni addirittura sporchi di sangue. Uno di loro brandiva un bracciale a “fascia” in metallo che usava anche come “tirapugni” picchiando selvaggiamente sul viso un altro giovane.

Alla vista dei militari il gruppo si è disperso dandosi alla fuga, ma i protagonisti della rissa sono stati intercettati. I Carabinieri hanno così appurato che quanto tutto era iniziato da una lite di qualche giorno prima tra due gruppi di Sikh rivali e residenti nelle province confinanti di Cremona, Piacenza e Lodi.

In sostanza il gruppo emiliano, insieme a quello lodigiano, una volta scoperta la scuola frequentata dai cremonesi avevano dato loro appuntamento attraverso i social network in città per chiarirsi, intorno alle 13. I toni della discussione si sono subito alzati e la situazione è degenerata. Quattro di questi giovani sono dovuti ricorrere alle cure dei sanitari riportando varie lesioni e fratture al setto nasale e agli arti. Due dei coinvolti hanno dovuto essere ingessati per fratture al polso e alla mano.  

I quattro arrestati per il reato di rissa aggravata e lesioni aggravate sono stati associati presso la Casa Circondariale di Cremona in attesa della convalida che verrà disposta dall’autorità giudiziaria. Si tratta di: D.A., nato a Cremona, classe 2001, residente a Sesto ed Uniti; S.P., nato in India, 21 anni, residente a Castelgerundo (LO); S.G., nato in India, 25 anni, domiciliato a Caorso (PC); S.G., nato in India, 21 anni, domiciliato a Pontenure (PC).

A carico dei quattro Sikh, in particolare alla luce delle lesioni e dei traumi riportati nello scontro, sono stati raccolti indizi per procedere all’arresto nella flagranza di reato, ma sono stati fermati e identificati altri 8 giovani, tutti Sikh componenti dei  due gruppi contrapposti ed in particolare un 16enne residente a Cà D’Andrea (CR), un 19enne residente a San Giovanni in Croce (CR), un 20enne residente a Villanova sull’Arda (PC), un 19enne, residente a Sesto ed Uniti (CR), un 18enne residente a Cingia dè Botti (CR), un 21enne residente a Bertonico (LO), un 19enne residente a Cortemaggiore (CR) via Zucchi, 1/B di cittadinanza indiana e un 21enne residente a Caorso (PC). Le posizioni di questi ultimi sono al vaglio dei Carabinieri.

Negli ultimi tempi la zona di via Dante, tramvie e ferrovia, è stata più volte teatro di episodi del genere, ragion per cui sono stati intensificati, in particolare nei fine settimana, i controlli e le pattuglie presenti con servizi straordinari disposti dalla Compagnia Carabinieri, che hanno consentito di individuare spacciatori, segnalare assuntori ed ubriachi, nonché identificare numerosi pregiudicati. 

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mario Rossi SV

    Sarà stata una rissa per decidere chi entrava prima in biblioteca?

    • Jo Pesce

      Bella questa,fai presente all’Alceste.yuppi

  • Illuminatus

    Grande prova di integrazione, complimenti.

  • paolo

    “E i migranti oggi sono l’elemento umano, l’avanguardia di questa globalizzazione. E ci offrono uno stile di vita che presto sarà uno stile di vita molto diffuso per tutti noi, loro sono l’avanguardia di quello… dello stile di vita che presto sarà uno stile di vita per moltissimi di noi.”: Laura dixit …

  • Carlob

    Purtroppo solo feriti che naturalmente al pronto passeranno davanti agli italiani in fila

  • Carlob

    Naturalmente il PD questa gente li farà votare alle primarie