Commenta

Fiera del Bovino da latte:
possibile alleanza
con Expo-Parma

Quale futuro per la Fiera di Cremona? Si torna a parlare di alleanze in vista delle sfide sempre più difficili del settore fieristico dove sono in corso aggregazioni e nuove forme di collaborazioni. L’ultima siglata in ordine di tempo, proprio alla vigilia di Cibus Connect che aprirà i battenti mercoledì prossimo, è quella tra la Fiera di Forlì e quella di Parma.

Una forma inedita di collaborazione che permetterà a Fiera di Parma di gestire l’importante Fieravicola di Forlì mantenendola nella sua sede originale. In questo modo Parma sposta su di sè tutta l’attenzione del mondo agroalimentare con una sorta di joint venture con Forlì ma, in futuro, anche con Piacenza (che ad esempio potrebbe mantenere e rilanciare il suo goiello Geofluid).

La stessa cosa potrebbe accadere, con lo stesso format, per la Fiera Internazionale del Bovino da Latte di Cremona, una sorta di affitto di ramo d’azienda di cui Cremona potrebbe mantenere la proprietà lasciando gestire le attività di marketing e promozione a Expo-Parma, tra l’altro presiedtua dal cremonese Gian Domenico Auricchio.

© Riproduzione riservata
Commenti