Commenta

Il cremonese Alessandro Marchi
in concerto nella rock band
'Queen At The Opera'

C’è anche un cremonese nell’imponente progetto Queen At The Opera, concerto show in veste rock sinfonica basato sulle musiche dei Queen, che andrà in scena il 26 luglio, a Roma, nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica. Si tratta di Alessandro Marchi, fratello del sindaco di Gerre de’ Caprioli, Michael Marchi, ed è nientemeno che il vocalist della band.

“Sono entrato a far parte di questo progetto circa un anno fa” racconta Alessandro. “Dopo aver fatto un provino a Roma, a marzo 2018, sono stato richiamato due mesi dopo. Inizialmente ho iniziato come sostituto di Giordano, il precedente cantante, poi sono diventato titolare”.

Il gruppo, che comprende un’orchestra dal vivo e una rock band, conta una cinquantina di persone. Dopo che lo scordo anno era stata fatta un’unica data, a Roma, quest’anno il gruppo si è impegnato in un vero e proprio tour, che è partito da Assisi in giugno. Il 26 luglio sarà invece a Roma, nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica. “Durante l’estate faremo altre 13 date in Italia, mentre per l’inverno è previsto un tour all’estero, nel nord Europa” spiega ancora il cantante.

Alessandro Marchi ha iniziato a cantare a 17 anni, dopo aver studiato alla Pontesound di Cremona. Poi ha proseguito i suoi studi in un’accademia musicale di Milano. Nella sua carriera ha preso parte a diversi musical e ha cantato con diverse band, tra cui proprio una cover band dei Queen.

Tra le voci in scena, oltre ad Alessandro, ci saranno Luca Marconi, Valentina Ferrari e Giada Maragno già noti al pubblico per spettacoli come “Notre Dame de Paris”, “Romeo e Giulietta”, “Priscilla la Regina del deserto”, “Hair”.

Si confronteranno con i più grandi capolavori di Freddie Mercury, Brian May, John Deacon, Roger Taylor. Classici senza tempo come We are the Champions, Barcelona, Bohemian Rhapsody, We will rock you, The Show must go on, Radio Ga Ga, A kind of magic, Under pressure, Another one Bites the Dust.

 

© Riproduzione riservata
Commenti