15 Commenti

Erbacce nelle aree di
pregio, il Comune
sperimenta il pirodiserbo

Per combattere l’invasione di erbacce nelle zone di pregio del centro storico, tra ciotoli delle piazze, marciapiedi e monumenti, il Comune corre ai ripari con un metodo sperimentale, “al fine di ripristinare il decoro di zone dove l’erba si diffonde con grande facilità e volto a rafforzare la manutenzione del verde pubblico” lo annuncia l’amministrazione comunale che nella mattinata di giovedì 5 settembre, darà il via alla sperimentazione con l’uso di pirodiservo, sotto la supervisione degli addetti delle Serre comunali. Grazie ad apposite attrezzature, la tecnica sperimentale verrà provata sul sagrato e sul retro della chiesa di S. Lucia tra via Bissolati e via Ruggero Manna, sul sagrato alla chiesa di S. Omobono, sempre in via Ruggero Manna, in piazza S. Agostino e davanti alla chiesa di S. Vincenzo di via Palestro. In base all’esito che darà questa sperimentazione, già presente in altri contesti cittadini, il Comune valuterà se e come adottarla così da intervenire in modo sempre più efficace a tutela del decoro urbano.

Il pirodiserbo si effettua con calore secco o umido, prodotto con diversi metodi tra cui onde elettromagnetiche, elettricità, vapore acqueo o energia termica, nelle varie forme di fiamma libera e raggi infrarossi. L’azione del pirodiserbo è legata allo shock termico provocato sulle infestanti dal rapido passaggio della fiamma o di un’altra fonte di calore. Il principio sul quale si basa il pirodiserbo è quello di provocare il veloce innalzamento della temperatura all’interno dei tessuti della pianta da eliminare, provocando la distruzione delle membrane cellulari e la coagulazione delle proteine con conseguente morte della pianta nell’arco di 1 a 3 giorni, a seconda delle condizioni climatiche e delle specie trattate.

Il pirodiserbo viene applicato oltre che nelle colture erbacee di pieno campo, quali il mais e le orticole, per la lotta alle infestanti, nelle colture arboree, per il controllo della flora spontanea, la spollonatura, così come nelle aree extra-agricole (aree verdi, parchi, giardini, strade, ferrovie, ecc.) per il controllo delle infestanti. Si tratta di un mezzo di lotta fisico privo di residui pericolosi per la salute umana e dall’impatto ambientale basso e ha inoltre ha una buona capacità di devitalizzazione delle piante infestanti nelle prime fasi di crescita.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Angelo Dellamorte

    Disastroso

  • Illuminatus

    50 anni fa l’uomo ha messo il piede sulla luna, ed oggi a Cremona stiamo ancora chiedendoci come combattere le erbacce.

  • Sbirulino19
    • nessuno

      Spero che la tua sia un (pessima) battuta. L’oggetto di cui parli è poco più che un gadget hobbistico che a mala pena ti pulisce il vialetto di casa. Evidentemente non sai di cosa parli. Non hai nemmeno idea dei costi/resa di un trattamento professionale su vasta scala. Quello messo in atto è uno spot senza futuro proprio perché economicamente non sostenibile. Vedi se su Amazon trovi una navicella x farti un giro sulla luna valà

      • Sbirulino19

        Guarda che mio è solo un esempio di sistemi che girano da tempo, ne ho visti di professionali che esistono da anni ma a Cremona siete ancora alla preistoria. L’alternativa…assessori che si rimbocchino le maniche non solo per spot elettorali.

        • Andrea

          Mi piace che metti bocca su ogni articolo che riguarda l’amministrazione comunale, ma poi dici “a Cremona SIETE ancora alla preistoria”…quindi non sei di Cremona? è per questo che proponi un bruciatore elettrico da giardino come soluzione per il comune? ti piace dire cose a caso su argomenti che non ti riguardano e sulla quale non sai nulla?

          • Sbirulino19

            Ecco qua il sapientone di turno, come mi ripeto il mio è solo un esempio ma visto che secondo te non funziona puoi sempre metterti in ginocchio.
            In quella posizione poi togliere l’erba o anche farmi qualche cosa che finisce in ino.

          • Andrea

            E’ imbarazzante leggerti. Se fai degli esempi falli pertinenti, non a caso. Anche perchè io non sono un sapientino ma tu sei proprio una zappa. A me non interessa offenderti, ci pensi già da solo. In ogni caso, sale o non sale, se usi il “siete” ti escludi da Cremona. O erro? Illuminatus, tu che nonostante mi sembri normodotato adori appoggiare piccole menti, pensi abbia detto qualcosa di sbagliato? o gli metti il “mi piace” per sostenere la tua fazione, indipendentemente dal contenuto di ciò che dice? Forse sei quasi più imbarazzante te di lui, perchè sbirulino può darsi che non ci arrivi proprio, ma tu si. Ed è molto più umiliante a mio parere. Vado a comprare il sale! se passi da Cremona dimmelo sbirulino!

          • Gemelli

            Evita di rispondergli , io ho fatto così anche se fossi d’accordo perché la ritengo o lo ritengo MOLTO maleducato.

          • Sbirulino19

            Idem come sopra.

          • Andrea

            Mah, più che maleducato direi limitato. Non penso che serva l’educazione se non c’è una base sulla quale farla attecchire. Purtroppo ho la cattiva abitudine di pensare che chiunque possa iniziare a ragionare. La realtà è che siamo tutti limitati. Sbirulino è solo il sorcio verde della situazione, che segue chi riesce a fare qualche ragionamento in più come Illuminatus, mettendo il “mi piace” ad ogni cosa che scrive. Diciamo che è un po’ il suo protettore.

          • Gemelli

            Ha visto la.risposta ? Le dico che ha.ragione.

          • Sbirulino19

            Salutame a sorata e a ammeta.

  • Mirko

    Fossero solo le erbacce da togliere per migliorare il decoro urbano

    • Illuminatus

      Fatto sta che non tolgono nemmeno quelle.