Commenta

Scomparsa a 88 anni Anna
Rossi, una vita a difesa delle
donne e dei più deboli

Anna Rossi al centro della tavolata durante un'iniziativa di Cremona Solidale

E’ scomparsa a 88 anni, dopo un breve ricovero in ospedale, Anna Rossi, sindacalista, militante politica, attivista nel campo dei diritti delle donne, tra le fondatrici del Tribunale per i diritti del malato presso l’ospedale di Cremona. Anna Rossi è stata un personaggio importante nella società cremonese, soprattutto in una fase storica in cui alle donne era concesso pochissimo spazio. Nel 1948, a 17 anni, da poco terminate le scuole superiori, entrò nel sindacato dei Tessili della Cgil al fianco di Ada Salvagnini, maestra che dopo l’8 settembre era passata nelle fila partigiane ed era approdata a Cremona quale segretaria di categoria. Fu al suo fianco che Anna Rossi iniziò le prime lotte sindacali a difesa delle lavoratrici delle filande, all’epoca delle prime chiusure. E fu in quel contesto che arrivò, negli anni Cinquanta, ai vertici dell’UDI, Unione Donne Italiane, impegnandosi nel riconoscimento di valori ancora lontani dall’essere prassi, quali la parità di genere e la cura dell’infanzia. Fu militante e poi dirigente del Pci, anche come responsabile della Commissione Femminile; una militanza chiara e netta, la sua, che però non le alienò mai la stima e la considerazione anche da parte di ambienti da lei politicamente lontani. E’ stata inoltre consigliere comunale, presidente dell’Ente Autonomo Asili del Comune e in anni più recenti ha contribuito alla nascita del Tribunale per i diritti del malato. Dotata di grande sensibilità, come la descrive ad esempio Giuseppe Azzoni, Anna Rossi  fu tra le prime ideatrici a livello locale di strumenti a sostegno dei ragazzi portatori di handicap ed instancabile organizzatrice e  volontaria delle Feste dell’Unità.

A Cremona la si vedeva ancora spesso in tante iniziative pubbliche, soprattutto quelle a sostegno delle fasce più deboli e sempre al fianco della figlia Uliana Garoli, avvocato e attuale presidente di Fondazione Città di Cremona.

La camera ardente è allestita venerdì 4 ottobre dalle ore 14 alle 18 presso l’Ospedale Maggiore di Cremona da dove, sabato mattina alle ore 10.15, partirà la salma verso il Polo della Cremazione. g.b.

© Riproduzione riservata
Commenti