Ultim'ora
2 Commenti

Smog da 6 giorni sopra
il limite: da domani al via
le misure di primo livello

Scattano domani, venerdì 3 gennaio, come disposto dalla Regione, le misure temporanee di primo livello per il contrasto all’inquinamento atmosferico. Dai dati trasmessi oggi da Arpa Lombardia nella provincia di Cremona è stato rilevato che ieri è avvenuto il sesto superamento consecutivo della soglia limite del PM10 (50 microgrammi/m3). In base ai dati rilevati questa mattina e riferiti alla giornata di ieri,mercoledì 1 gennaio, la media delle stazioni del programma di valutazioni della provincia è infatti di 97,3. Venendo invece alla città i dati rilevati sono i seguenti: Fatebenefratelli 105, Cadorna 97, Spinadesco 95, per una media di 99 microgrammi/m3.

Queste le misure attive da domani che si aggiungono a quelle permanenti già in vigore: limitazione all’utilizzo delle autovetture private di classe emissiva Euro 4 Diesel in ambito urbano dalle ore 8.30 alle ore 18.30; divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (in presenza di impianto di riscaldamento alternativo) con prestazioni energetiche ed emissive non in grado di rispettare i valori previsti almeno per la classe 3 stelle; divieto assoluto, per qualsiasi tipologia (falò rituali, barbecue e fuochi d’artificio, scopo intrattenimento, e così via), di combustioni all’aperto; introduzione del limite a 19°C (con tolleranza di 2°C) per le temperature medie nelle abitazioni e spazi ed esercizi commerciali; divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso; divieto di spandimento dei liquami zootecnici.

Il primo livello è attivo da domani anche a Bergamo, Como, Milano, Monza – Brianza e Pavia. Come previsto dalla normativa saranno potenziati i controlli con particolare riguardo al rispetto dei divieti di limitazione della circolazione veicolare, di utilizzo degli impianti termici a biomassa legnosa, di combustioni all’aperto e di divieto di spandimento dei liquami. L’Amministrazione comunale “invita a limitare l’orario di funzionamento degli impianti termici, nonché gli spostamenti con mezzi privati, controllando sempre sul libretto di circolazione la classe di appartenenza del proprio veicolo”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti