6 Commenti

Inseguimento nella notte
in città: due persone
fermate in via Bergamo

Foto di repertorio

Un inseguimento ha scosso la quiete di una notte cittadina, silenziosa e deserta da quando è iniziato l’isolamento imposto dall’emergenza Coronavirus. Molte le persone che si sono affacciate alle finestre, mercoledì sera, notando un’utilitaria inseguita da una vettura dei Carabinieri. Una corsa che si è conclusa in Via Bergamo, dove i militari sono riusciti a raggiungere e a fermare i fuggiaschi. Sembra che sull’auto, subito perquisita, insieme a due occupanti, entrambi 30enni, viaggiasse anche un moderato quantitativo di droga.

Tutto era iniziato poco prima in Via Milano, quando la vettura aveva rifiutato di fermarsi all’alt della pattuglia. I due sono stati quindi denunciati non solo per la droga ma anche per aver violato le norme legate all’emergenza Coronavirus, che consentono spostamenti solo per motivi di comprovata necessità.

D’altro canto in queste settimane il fenomeno della droga è dilagante: con i divieti in corso lo spaccio si è spostato soprattutto nelle campagne, dove molte persone si recano ad acquistare eroina e cocaina, inventandosi invece di essere in giro a fare una passeggiata. A Pizzighettone, Robecco d’Oglio e Pozzaglio molti sono stati i soggetti fermati e trovati in possesso di sostanze stupefacenti, probabilmente appena acquistate. Anche in questi casi le persone erano state denunciate anche per la violazione del decreto.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Chicca

    In galera e buttiamo la chiave !!!

  • Sbirulino19

    Tempi duri anche per drogati, tossici e spacciatori.

  • KRIZIA..

    Proporrei uno scambio dei tempi duri…droga oppure quel letto di terapia intensiva ? Cosa sceglieranno ???

  • Hulk Il Giusto

    Diciamo anche che spacciatori e delinquenti sono avvantaggiati dal fatto che in questo periodo si beccano solo delle denunce ma la galera manco la vedono, poi, quando sarà ora del processo, saranno irreperibili!!!

  • Abiff

    Probabilmente gli spacciatori hanno frainteso la definizione di “attività indispensabili” ed hanno equiparato il loro codice Ateco a quello delle farmacie.

  • A. G.

    Dentro senza processo, e a calci. Loro e chi gliela vende.