Ultim'ora
2 Commenti

Il Museo del Violino si prepara
a riaprire con tutte le misure
per accogliere in sicurezza

Il Museo del Violino di Cremona riapre il 2 giugno. Lo abbiamo visitato in anteprima: ecco tutte le misure adottate per accogliere il pubblico in sicurezza

Il Museo del Violino di Cremona riapre il 2 giugno. Lo abbiamo visitato in anteprima: ecco tutte le misure adottate per accogliere il pubblico in sicurezza.......Federica Priori

Pubblicato da Cremona1 su Giovedì 28 maggio 2020

Cambiano le modalità di fruizione ma non per questo la visita sarà meno affascinante, nel luogo che custodisce i preziosi strumenti di Stradivari e Amati. È il messaggio espresso dallo staff del Museo del Violino, al lavoro in questi giorni per adottare le misure necessarie a rendere sicuro l’accesso per il pubblico, in programma dal 2 giugno. Lo spazio espositivo sarà aperto il mercoledì, giovedì, sabato e domenica dalle 11 alle 17, mentre il venerdì verrà introdotta una fascia oraria pomeridiano-serale dalle 16 alle 22. Per l’ingresso si consiglia la prenotazione, via mail o telefono, oppure l’acquisto del biglietto online sul circuito Vivaticket; sono poi in vigore le prescrizioni adottate in tutti i musei civici di Cremona per prevenire la diffusione del Coronavirus: distanziamento sociale, obbligo di mascherina, misurazione della temperatura, igiene delle mani con apposito gel a disposizione. In via precauzionale inoltre non saranno distribuite né le mappe cartacee né le audioguide, ma i visitatori potranno scaricare la mappa digitale sul proprio cellulare dal sito web del Museo del Violino e il personale sarà a disposizione nelle sale per tutte le informazioni inerenti sia il percorso di visita sia il protocollo anticontagio. In occasione della riapertura poi è stato installato un nuovo pannello informativo nella sala dei Friends of Stradivari. Al momento le audizioni con i violini delle collezioni storiche sono sospese, mentre non è escluso che in futuro si possano organizzare incontri in sala conferenze con musicisti e liutai.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti