Ultim'ora
Commenta

Rivede i nipotini dopo 90
giorni: ‘Non mi sembrava
vero attraversare il Po’

L’esperienza di Ettore Dognini

“Ieri mattina non mi sembrava vero di poter attraversare il Po”. Ettore Dognini, 73enne di Pizzighettone, con la riaperture delle frontiere regionali è potuto tornare ad abbracciare i nipotini Nicolò e Alessio, rispettivamente di 6 e 8 anni, residenti a Carpaneto (Piacenza). L’ultima volta, circa 90 giorni fa, che era successo era stato in occasione del compleanno di Alessio: “Purtroppo già allora molti suoi amici non erano potuti andare alla festa a causa della situazione che già iniziava ad essere pesante”. Poi le misure stringenti imposte per affrontare l’emergenza sanitaria. “Ieri – spiega Dognini, anche fotografo al seguito di Pizzighettone prima e Pergolettese poi – ho lasciato mia moglie a Piacenza al lavoro e alle 8 ero già a Carpaneto. Sono stato là fino a sera: è stato bello come primo giorno. Essendo abituato a vederli spesso, l’impatto si è fatto sentire”. Il pizzighettonese infatti era “abituato ad andare a trovarli due o tre volte a settimana”, lasciava la moglie al lavoro e proseguiva fino a Carpaneto a fare “la vita da nonno”. Una distanza paradossalmente aumentata durante il lockdown: “Mi mandavano i disegni e i messaggi vocali con whatsapp o facevamo videochiamate, ma non facevano che far aumentare la voglia di essere là con loro”.

© Riproduzione riservata
Commenti