4 Commenti

Delitto a Palazzo Pignano:
vittima donna di 49 anni
Fermato il marito

La villetta di via De Nicola, a Palazzo Pignano, in cui si è consumato il delitto

AGGIORNAMENTO – Nella prima mattinata i Carabinieri di Treviglio hanno fermato Eugenio Zanoncelli, l’uomo che nella notte ha presumibilmente ucciso la moglie. Il 56enne si trovava al confine con il Comune di Rivolta d’Adda, a bordo della propria auto, con cui stava cercando di allontanarsi. I militari hanno proceduto al fermo e il presunto omicida, assistito dall’avvocato Maria Laura Quaini, è stato accompagnato in Caserma, dove rimarrà in attesa dell’interrogatorio.

La tragedia si è consumata nella serata di mercoledì a Palazzo Pignano, dove Morena Designati, 49 anni, ha trovato la morte, presumibilmente per mano del marito, che in seguito all’efferato delitto si è dato alla fuga, dopo aver accompagnato il figlio minorenne a casa del fratello. E’ stato proprio quest’ultimo a chiamare le forze dell’ordine.

Erano circa le 22.30 quando i soccorritori sono giunti presso l’abitazione di via De Nicola, dove la donna era però ormai priva di vita. Sul posto anche i Carabinieri del nucleo radiomobile di Crema. Sono attualmente in corso le ricerche dell’uomo, 56 anni, che si è allontanato a bordo della sua Volvo. Restano da chiarire le modalità del delitto e soprattutto il movente. Sembra comunque che la donna, prima di morire, abbia subito delle percosse.

Intanto c’è sgomento in via De Nicola, dove la famiglia era conosciuta e benvoluta. “Erano bravissime persone” commentano alcuni vicini. “Gente molto tranquilla”. La coppia era originaria di Rivolta d’Adda, ma si era trasferita a Palazzo Pignano da diversi anni. Morena, raccontano i vicini, “era malata da alcuni anni”. Ma allo stesso tempo aveva “una gran voglia di vivere”.

Il sindaco di Palazzo Pignano, Rosolino Bertoni, ha affermato che la situazione “inspiegabilmente non era mai stata segnalata ai servizi sociali del Comune”, e che secondo lui la cosa “andava avanti da tempo”.

La Volvo su cui è scappato il sospettato

ab-lb

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Chicca

    Ergastolo !! Buttate la chiave !! E non sprecare tempo a fargli processo !!!

    • Sally

      Concordo!

  • Houndubbio

    Cosa sia successo non lo so ne io, ne chi legge questo articolo e, per il momento, visto che non è ancora stato interrogato, neanche il PM incaricato dell’inchiesta. Dunque non è ancora stata formulata un imputazione a carico di quest’uomo. Tanto più che, qualsiasi cosa sia successa, quest’uomo non sembrava in fuga dato che è stato fermato in mattinata nello stesso comune in cui aveva lasciato la figlia la sera prima. E sembra anche che si sia consegnato senza opporre resistenza. Dunque, prima di arrivare al giudizio servono : interrogatorio e convalida dell’arresto, rinvio a giudizio del GIP, audizione in camera chiusa davanti al GUP, primo grado d’Assise, secondo grado d’Appello, terzo grado Corte di Cassazione.

    Voi però avete già emesso sentenza di condanna. Complimenti, siete dei supereroi.

    • Jeppetto

      Condivido: giusto attendere, vedi caso Voltini…