Ultim'ora
Commenta

Piano di intervento per l’edilizia
scolastica della Provincia
di Cremona: stanziati oltre 6 milioni

La Provincia di Cremona ha attivato un complesso programma di opere in ambito di edilizia pubblica per le scuole secondarie superiori, seguito dal Vice Presidente della Provincia di Cremona, Rosolino Azzali con delega all’edilizia scolastica.

Si sono investiti, infatti, complessivamente 6.640.000, euro di cui circa euro 4.150.000, per cantieri in corso e in fase di conclusione ed euro 2.490.000 per cantieri di prossimo avvio dopo indizione della gara. I numerosi interventi sono stati programmati, realizzati ed altri in fase di realizzazione, anche nel corso del periodo pandemico Covid in cui il Settore Edilizia Scolastica e Patrimonio della Provincia di Cremona, non ha mai cessato la propria attività, incontrando più volte i Dirigenti scolastici, anche con sopralluoghi congiunti di verifica presso i singoli plessi di competenza provinciale (37 strutture), pur nella intricata selva di normative e circolari, che hanno riguardato la ripresa dell’anno scolastico a settembre.

In tal senso, si sono tenute presso la Provincia riunioni con i dirigenti scolastici, anche a seguito di specifica ricognizione attivata dal Settore Patrimonio ed Edilizia Scolastica con la compilazione da parte di ogni scuola di una scheda tecnica per la raccolta delle istanze con riferimento all’adeguamento ed adattamento funzionale di spazi, ambienti ed aule per la didattica, nonché alle forniture di arredi ed attrezzature scolastiche idonei a favorire il necessario distanziamento tra gli studenti, che tenessero necessariamente conto delle risorse disponibili e della loro concreta e immediata fattibilità.

Alla presenza del Vice Presidente con delega all’edilizia scolastica, Azzali Rosolino, è seguita una specifica attività di verifica congiunta in loco tra i funzionari tecnici provinciali e i referenti degli istituti scolastici per definire in modo condiviso l’appropriatezza, urgenza e fattibilità a breve degli interventi segnalati, alla luce delle risorse resesi disponibili nel bilancio provinciale (derivanti dalla deliberazione del Consiglio provinciale n. 15/2020) e vincolate ad interventi di manutenzione ordinaria e dall’opportunità di candidare alcuni interventi a valere sul PON “Per la Scuola” 2014-2020 – Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) a favore di tutti gli Enti locali proprietari di edifici adibiti a sede di istituzione scolastica statale o di cui abbiano la competenza ai sensi della legge 11 gennaio 1996, n. 23 vincolato ad interventi di manutenzione straordinaria di adeguamento e di adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da COVID-19, caratterizzati da una certa complessità procedurale trattandosi di fondi PON.

Questa attività di verifica puntuale e condivisione dei bisogni ha consentito in tempi brevi di avere un quadro complessivo delle necessità delle scuole in vista dell’avvio del nuovo anno scolastico con le regole sul distanziamento e di poter “anticipare” i tempi per quanto possibile ed avviare simultaneamente molti iter, con predisposizione di atti amministrativi e gare, per alcune delle quali le stesse procedure eran semplificate.

Nello specifico, il piano triennale del settore dell’Edilizia scolastica della Provincia di Cremona prevedeva investimenti per circa 40 milioni di euro, a cui si sono aggiunti, recentissimamente, nuovi interventi da emergenza COVID-19 (complessivi, ad oggi, euro 1.200.000,00).

A tal proposito, si registrano il prossimo avvio di quattro appalti/cantieri finanziati da “Lombardia Più” per euro 520.000; l’avvio di interventi (manutenzione straordinaria in edilizia e fornitura arredi) finanziati con Fondi PON per euro 317.073,32; inoltre, è in fase di esecuzione e prossimo avvio lavori di manutenzione ordinaria (risorse derivanti da sospensione quota capitale da mutui) per euro 241.007,18, ovvero: euro 97.187,18 già aggiudicati, euro 143.820 da aggiudicare nelle prossime due settimane.

Infine, vi sono cantieri da concludersi entro il 15.10.2020 (risorse ex decreto Ministro Azzolina) per complessivi euro 120.000. Segue nello specifico la lista degli interventi e le somme stanziate per ciascuna opera.

© Riproduzione riservata
Commenti