4 Commenti

E' la consigliera comunale
Stella Bellini una delle prime
volontarie del vaccino anti Covid

Stella Bellini, consigliera comunale e presidente della commissione territorio, è una delle volontarie che si sottoporranno alla sperimentazione del  GRAd-COV2, il vaccino anti Covid19 che verrà testato anche all’ospedale di Cremona, oltre che allo Spallanzani e negli ospedali di Piacenza e Verona. Ne ha parlato sull’Huffington Post, spiegando il motivo di questa scelta: “La volontà di dare un contributo alla comunità perché quello che è accaduto non si ripeta”. La Bellini, eletta lo scorso anno in consiglio comunale come rappresentante di +Europa nel gruppo Pd a sostegno del sindaco Galimberti, ha 43 anni, è architetto e durante l’emergenza Covid ha fatto volontariato temporaneo nella Croce Rossa: ora ha deciso di iscriversi al corso per diventare soccorritore.

Spiega che la scelta è nata dopo aver letto un post pubblicato dal sindaco, in cui si parlava della sperimentazione di Cremona. “Dopo averci riflettuto qualche giorno, ho contattato l’ospedale per candidarmi. Abbiamo delle responsabilità verso gli altri e dunque verso noi stessi – che degli altri siamo il riflesso – nei confronti di un bene comune”. Ma la scelta è scaturita soprattutto dal ricordo del dolore, dello spaesamento, del senso di morte che il Covid ha portato con sé; il virus le ha portato via uno zio e un caro amico. “Non sono medico, non sono infermiera, ma posso dare il mio contributo alla comunità – ha aggiunto -. Non mi considero un’eroina, mi auguro però che questa mia disponibilità possa tradursi in un aiuto concreto per salvare vite, ma anche per spingere le persone a comportamenti responsabili per proteggere dalla minaccia del Covid sé stessi e gli altri”. Ammette di avere un po’ di paura, ma “ho anche una fiducia incrollabile nella scienza e in coloro che stanno lavorando a questo progetto importantissimo”.

I test all’ospedale di Cremona partiranno nel corso dell’autunno, per il momento è in corso la raccolta delle candidature. La fascia di età è tra i 18 e i 55 anni e over 65, per una quindicina di volontari.  In attesa del vaccino che sarà pronto non prima di 6 – 8 mesi, oggi l’unica arma di difesa dal virus sono e regole anti contagio, come ricorda il primario di Infettivologia Angelo Pan: “Mascherina, distanziamento e lavaggio frequente delle mani”, dicendosi “stufo dei Guelfi e Ghibellini e delle divisioni politiche anche sul virus. Ci sono i riscontri scientifici, prudenza e rispetto delle regole restano fondamentali. Al di là di negazionismi inutili e dannosi”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • KRIZIA..

    Complimenti alla signora,per la generosità verso il prossimo e il coraggio…Sono sicura che andrà bene!!!

    • Jeppetto

      OK!

  • crisformetal

    Farà na brutta fine…

    • KRIZIA..

      Non credo,perché mai ? Come tutti i vaccini avrà le sue controindicazioni…