Ultim'ora
Commenta

Proclamati al Politecnico di
Cremona i primi 3 ingegneri
musicali e acustici

Nella giornata di ieri, giovedì 1 ottobre, si è tenuto il primo appello di laurea del Corso di Laurea Magistrale in Music and Acoustic Engineering, prima ed unica in Italia interamente dedicata all’ingegneria della musica e dell’acustica. Nata nella Città di Stradivari grazie al sostegno del territorio, in particolare della Fondazione Arvedi Buschini e del Comune di Cremona, questa nuova Laurea Magistrale è attrattiva non solo per gli universitari italiani ma anche per i laureati internazionali provenienti da diversi Paesi Extra Ue, con una formazione sia ingegneristica che musicale. Due sono gli orientamenti tra cui gli interessati possono scegliere: Acoustic Engineering per chi vuole approfondire il tema dell’acustica musicale e Music Engineering per chi invece vuole focalizzarsi sullo studio dell’informatica musicale e l’elaborazione del suono.

I primi studenti, che due anni fa hanno scelto di investire il loro impegno e il loro tempo in questo corso d’avanguardia, oggi hanno completato il loro percorso con la discussione di laurea e hanno raggiunto un ambito traguardo. A partire dalle ore 14:00, la commissione di laurea ha ascoltato le presentazioni dei 3 candidati presenti in aula che hanno sostenuto la loro tesi anche di fronte alle obiezioni dei controrelatori assegnati ai lori elaborati. Alle ore 16.30 la sessione di laurea si è conclusa con una sentita cerimonia di proclamazione, la prima per questa nuova Laurea Magistrale. Hanno aperto la cerimonia, in videocollegamento, il Primo Cittadino di Cremona, il Prof. Gianluca Galimberti e la Dott.ssa Maura Ruggeri, a cui sono seguiti gli interventi del Preside della Scuola in Ingegneria Industriale e dell’Informazione, Prof. Antonio Capone; del delegato del Rettore per la Didattica, Prof. Lamberto Duò; del Prorettore del Polo di Cremona, Prof. Gianni Ferretti, e del Presidente della Commissione di Laurea nonché Responsabile Scientifico del Corso, Prof. Augusto Sarti.

Quest’ultimo ha descritto così questo momento “Queste lauree sono un evento atteso da oltre 15 anni, ovvero dalla nascita del primissimo percorso “pilota” di “Sound and Music Engineering” del Politecnico di Milano nel 2005. Siamo tutti molto emozionati perché, oltre ad essere un titolo di studi assolutamente nuovo e attesissimo da tutti (industria compresa), è il coronamento di un lavoro di minuzioso progetto didattico che scaturisce dalla ricerca più avanzata. Il fatto di non aver ereditato una tradizione pre-esistente, ma di averla creata per le generazioni a venire, ci rende ancora più orgogliosi.”

Marco, laureato a pieni voti, ha commentato con emozione il suo percorso di studi “Sono molto felice e orgoglioso di aver scelto questo percorso di laurea magistrale. Gli sforzi e la dedizione mi hanno portato a numerose soddisfazioni: dai progetti realizzati durante gli esami, alle conoscenze sviluppate e interiorizzate. Non bisogna pensare, infatti, che Music and Acoustic Engineering banalizzi la musica e l’acustica in una serie di formule matematiche ma, al contrario, offre ottimi strumenti per capire ed esaltarne il significato.”

Matteo ha apprezzato e sottolineato l’aspetto innovativo di questa Laurea Magistrale dichiarando “Questo percorso di Ingegneria Musicale ha ben conciliato i miei studi di Composizione presso il Conservatorio della Svizzera Italiana con quelli di Ingegneria Informatica. Ho riscontrato, nel corso degli studi, che l’aspetto innovativo promesso è effettivo, trattando argomenti secondo una visione inedita e avanzata, con concrete e illimitate prospettive di sviluppo. Per la validazione della tesi di laurea ho avuto modo di interpellare numerose personalità del mondo musicale ed ho potuto riscontrare le loro esigenze di innovazione compositiva. Questo corso mi ha dato gli strumenti per andare incontro a queste esigenze ed in tal modo produrre un’inedita tecnica compositiva.”

Il Campus di Cremona può vantare infatti un percorso estremamente innovativo che prevede la collaborazione con la Facoltà di Musicologia dell’Università degli Studi di Pavia e del Conservatorio di Milano e la presenza di un Laboratorio di Acustica Musicale, dotato di una camera anecoica, dedicato allo sviluppo di tecnologie avanzate per il miglioramento della tradizione liutaria e di metodologie sistematiche per la valutazione quantitativa delle caratteristiche fisiche e acustiche degli strumenti di liuteria.

Nel Laboratorio di Acustica Musicale ha svolto la sua tesi Davide: “Il percorso di studi in Music and Acoustic Engineering ha rappresentato per me un’esperienza molto formativa e stimolante. Mi ha permesso di approcciare il mondo dell’acustica a 360°, in maniera più consapevole e preparata. Numerosi sono stati i corsi tenuti da professori di altissimo livello, che mi hanno fornito nozioni teoriche ed esperienze su casi pratici. Grazie al mio lavoro di tesi svolto presso il laboratorio del Museo del Violino di Cremona inoltre, ho avuto l’opportunità di lavorare in un ambiente unico a livello mondiale, dove mi sono avvicinato all’ambito della ricerca scientifica. Consiglio fortemente questo percorso di Laurea a tutti coloro che sono interessati ad approfondire gli studi nel campo dell’acustica.”

© Riproduzione riservata
Commenti