Cronaca
Commenta

In carcere demolitore d'auto residente a Fiesco: ne smontava i pezzi e le rivendeva in nero

E’ finito in carcere F.O., 55enne, pregiudicato residente a Fiesco per i reati di ricettazione e riciclaggio. Lo hanno arrestato ieri mattina i Carabinieri della Stazione di Castelleone, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzione Penale della Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Brescia.

L’arrestato è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Cremona per scontare la pena che dovrà espiare: 6 anni e 8 mesi di reclusione oltre al pagamento di una multa di 2600 euro.

La vicenda trae origine da un’attività investigativa del 2011, partita da una serie di furti di automobili tra Milano e Brescia, e condotta anche dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Crema.

I militari avevano potuto dimostrare che il pregiudicato, titolare di un’attività di autodemolizione, ricettava i veicoli rubati e dopo aver smontato i pezzi delle auto rubate le rivendeva sul mercato nero. Inoltre, smaltiva rifiuti speciali in maniera irregolare.

Il soggetto, nell’occasione, era stato arrestato in flagranza di reato allorché, all’arrivo dei militari, nel capannone era stato sorpreso a smontare un’autovettura provento di furto. I Carabinieri dimostrarono che in quel centro di autodemolizioni fosse una prassi normale quella di smontare e rivendere i pezzi di veicoli rubati e di demolirne irregolarmente successivamente la carcassa.

© Riproduzione riservata
Commenti