Cronaca
Commenta4

Maltrattò i suoi otto cani, trovati denutriti e disidratati A processo. Lav parte civile

E’ accusato di aver maltrattato otto cani di sua proprietà, uno dei quali trovato morto e in stato di decomposizione. Al via il procedimento penale nei confronti di un uomo residente a Paderno Ponchielli, finito a processo per maltrattamento di animali. La Lav, Lega Lega anti vivisezione, si è costituita parte civile attraverso l’avvocato Roberto Rota del foro di Lodi.

I fatti risalgono al 2016 quando, in seguito ad una segnalazione, la stessa Lav e il sindaco di Paderno Ponchielli Cristiano Strinati avevano verificato di persona, da fuori l’abitazione dell’imputato, delle precarie condizioni in cui l’uomo teneva i suoi otto cani, tra bulldog, chihuahua e volpini. Era quindi scattata la chiamata ai carabinieri che avevano accertato le pessime condizioni igienico sanitarie in cui vivevano gli animali, alcuni de quali trovati denutriti e disidratati.

All’epoca dei fatti vani erano stati i tentativi di rintracciare il proprietario, tanto che il sindaco aveva emanato un’ordinanza contingibile e urgente con la quale aveva disposto l’immediato accesso all’area mediante la rimozione del lucchetto posto a chiusura del cancello, favorendo così l’accesso dei militari.

Gli animali, tranne uno, trovato morto, erano stati salvati e affidati alle cure dei volontari.

“Ringraziamo chi ha segnalato i fatti, il sindaco di Paderno Ponchielli per la sensibilità dimostrata e i carabinieri di Cremona e Soresina per il tempestivo intervento che ha permesso di non prolungare lo stato di sofferenza degli animali”, ha commentato Maria Pia Superti, di Lav Cremona. “Ora ci auguriamo vivamente che sia fatta giustizia”.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti