Cronaca
Commenta

Cinture di sicurezza, settimana di controlli della stradale. 56 le violazioni su 346 veicoli fermati

Dall’8 al 14 marzo in tutta Europa si è svolta la campagna congiunta di sicurezza stradale ‘Seatbelt’, promossa da Roadpol, European Roads Policing Network, network europeo delle polizie stradali. Questa volta la campagna si è concentrata su controlli inerenti le cinture di sicurezza, il cui mancato utilizzo è ancora una delle più frequenti cause di morte o di lesioni gravi in seguito ad un incidente stradale.

Alla campagna, ovviamente, ha preso parte anche la polizia stradale di Cremona guidata dal comandante Federica Deledda. Gli agenti, oltre al loro lavoro ordinario, hanno svolto servizi mirati su tutto il territorio cremonese, in particolare proprio sul fenomeno del mancato utilizzo dei sistemi di ritenuta da parte di tutti gli occupanti dei veicoli, bambini compresi.

In tutta la provincia di Cremona sono stati controllati 346 veicoli e sono state riscontrate 56 violazioni. Un numero decisamente ancora troppo alto. Di queste 56 violazioni, 54 non portavano la cintura anteriore, mentre 2 quella posteriore.

Un’abitudine pericolosissima, quella di non indossare le cinture di sicurezza. Molti, come anche ricordato dal comandante Deledda, gli incidenti stradali che hanno avuto conseguenze mortali proprio per questo comportamento scorretto alla guida. Le sanzioni per mancato uso delle cinture vanno da un minimo di 83 euro ad un massimo di 332 euro, più il decurtamento di 5 punti dalla patente.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti