Cronaca
Commenta

Sabato sera su Cremona1 e
sul web la Veglia delle Palme

Tra i momenti caratteristici della veglia delle Palme dei giovani al Palazzetto dello sport di Cremona c’era proprio la consegna, da parte del vescovo a un rappresentante per ogni comunità presente, del ramo di palma. Quello che in molte parrocchie si è soliti usare l’indomani nella processione della Domenica delle Palme. Anche quest’anno non potrà essere così, ma la Federazione Oratori Cremonesi un’alternativa l’ha trovata.

Nella veglia delle Palme che la sera di sabato 27 marzo, alle 21, sarà trasmessa in tv su Cremona1 (canale 80) e sui canali web della Diocesi, il Vescovo consegnerà idealmente un ramo di palma ad quattro giovani in altrettanti luoghi di particolare significato della città di Cremona. All’Ospedale lo offrirà a una giovane mamma che nel nosocomio cremonese lavora come infermiera.

Poi la consegnerà a un giovane lavoratore che si è visto bloccare la propria attività a motivo dell’emergenza sanitaria, e a un liceale che, costretto in casa, può contare solo sul digitale per svolgere le lezioni e rinsaldare i legami con i propri coetanei.

L’itinerario di monsignor Napolioni farà tappa anche nella nuova sede cremonese dell’Università Cattolica, presso il campus di Santa Monica, consegnando la palma a una giovane ricercatrice. Quattro occasioni di riflessione e testimonianza che convergeranno in un momento di preghiera conclusivo all’interno della Cattedrale di Cremona.

Se la consegna delle palme durante la veglia potrà solo essere simbolica, non sarà così nelle zone pastorale dove la Federazione Oratori Cremonesi sta recapitando i rami che avrebbero dovuto essere distribuiti proprio nelle zone, quando ancora si ipotizzava un momento di preghiera in contemporanea in alcuni punti della diocesi, ma con un momento di collegamento tra i diversi punti della diocesi grazie alla tecnologia.

Grazie alla collaborazione con i vicari zonali, nella giornata di venerdì 26 marzo ogni parrocchia potrà ritirare i rami di palma (uno per comunità) nel punti di smistamento individuato nella propria zona, secondo le seguenti sedi:

zona 1: Antegnate
zona 2: Castelleone
zona 3: Centro pastorale diocesano – FOCr
zona 4: Piadena
zona 5: Casalmaggiore

© Riproduzione riservata
Commenti