Economia
Commenta

Da Cremona alla Silicon Valley,
Forbes celebra la startup Fees

La celebre rivista di economia Forbes inaugura la serie Gli ZetaMillennials ad alto contenuto tecnologico proprio partendo dalla startup cremonese Fees (leggi qui l’articolo completo). Fondata nel 2019 da Matteo Mazzolari e Paolo Pavesi, Fees è un’applicazione mobile e web che grazie ad un algoritmo OCR sviluppato in machine learning permette a privati ed aziende di digitalizzare e gestire in modo semplice ed organizzato qualsiasi tipo di spesa.

L’idea nasce dall’esigenza personale di uno dei due fondatori, Matteo Mazzolari. Mentre si trovava a lavorare per una una scaleup di San Francisco, impegnato in trasferte tra l’Italia e la Silicon Valley, doveva prendere nota di tutte le spese per rendicontarle poi alla propria azienda. Tornato in Italia ha deciso, insieme all’amico e socio Paolo Pavesi, di implementare una soluzione per la digitalizzazione delle spese e dei documenti, da qui l’idea di Fees.

Questa startup ha ricevuto, in meno di un anno, un primo riconoscimento con l’arrivo del primo finanziamento da parte Microdata Group (una delle società del CRIT) che è diventata oltre che finanziatore anche un partner tecnico. Il team si è arricchito e ad oggi conta 8 persone, che con le proprie competenze stanno facendo crescere Fess. L’obiettivo è di diventare un player globale nella digitalizzazione.

Fin dalla sua nascita ha trovato sede presso Cobox, lo spazio di coworking del CRIT – Polo per l’Innovazione di Cremona. L’ambiente del coworking, ben noto a Mazzolari che ha lavorato in uno spazio di coworking della Silicon valley, ha permesso a Fees di incontrare altri professionisti con cui potersi confrontare e collaborare. Questi spazi facilitano la nascita di networking e lo scambio di nuove conoscenze.

Fin da subito, i giovani startupper cremonesi, hanno colto lo spirito di Cobox e del CRIT mettendo a disposizione le proprie competenze e il proprio entusiasmo. Collaborando con le aziende del consorzio CRIT e gli altri resident di Cobox per favorire la crescita, le relazioni e l’innovazione sul territorio.

© Riproduzione riservata
Commenti