Economia
Commenta

Focus sul lavoro con sindacati
ed imprese in "Sviluppo & Territorio"

In onda su Cremona1 ieri sera, mercoledì 28 aprile, l’ultima puntata di Sviluppo & Territorio, il programma ideato e condotto dal direttore Guido Lombardi. Sul tavolo, come tema principale, il lavoro.

Il direttore Lombardi ha iniziato dialogando con i segretari generali territoriali Marco Pedretti (Cgil), Dino Perboni (Cisl) e Paolo Sonicini (Uil). I sindacalisti hanno espresso preoccupazione per la situazione attuale e chiedono unanimemente la proroga del blocco dei licenziamenti fino “al termine della pandemia”, dato che “in gioco c’è la tenuta del Paese” e che “questa crisi non può ricadere sui lavoratori”. Fondamentale, anche “ridefinire gli ammortizzatori sociali rendendoli universali”, agendo “sulle politiche attive del lavoro per creare una rete di protezione e reinserimento prima che cessi il blocco stesso”.

La giornalista Eleonora Busi ha poi intervistato il direttore ad interim dell’Ispettorato del Lavoro di Cremona Carlo Colopi che ha tracciato un quadro dell’attività del proprio ufficio, sottolineando anche la carenza di personale impiegata sul nostro territorio e auspicandosi l’introduzione di “un’unica figura ispettiva che si occupi di tutto”.

Nell’ultima parte, è quindi intervenuto il direttore dell’Associazione Industriali di Cremona Massimiliano Falanga. Intervistato dal direttore Lombardi, Falanga, a proposito del blocco dei licenziamenti, ha sottolineato: “Il Governo ha anestetizzato la situazione con questa misura, che è una misura pertinente laddove le attività siano chiuse, ma riteniamo che le aziende non interessate da queste chiusure dovrebbero poterli sbloccare e riorganizzarsi, anche perché l’impatto, secondo un nostro sondaggio, non produrrà grossi contraccolpi”. Il direttore ha poi auspicato un “dialogo sereno” su diversi temi con i sindacati e ricordato l’importanza del Masterplan 3C.

(nel video la puntata completa, foto anteprima Sessa)

© Riproduzione riservata
Commenti