Cronaca
Commenta

“Epidemiologia acque reflue”,
il contributo di Padania Acque

Padania Acque, fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria a marzo 2020, si è messa a disposizione del mondo della ricerca universitaria e istituzionale per il monitoraggio di SARS-CoV-2 nei reflui urbani della Lombardia effettuato dall’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, dall’IRCCS Dipartimento Ambiente e Salute, e dall’Università Statale di Milano, Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute, con la partecipazione di Regione Lombardia, che ha consentito di mettere a punto un metodo denominato “epidemiologia delle acque reflue”.

Lo studio ha coinvolto 8 città lombarde selezionate tra le aree più colpite dalla prima ondata di Covid-19, tra le quali figurano Cremona e Crema. Il gestore dell’idrico cremonese ha fornito al mondo accademico i campioni di acque reflue e fanghi da depurazione prelevati presso gli impianti di depurazione delle due città con frequenza settimanale.

Padania Acque proseguirà anche nei prossimi mesi questa attività, insieme alle altre aziende dell’idrico lombardo coinvolte, fornendo dati che, costantemente confrontati tra loro nel tempo, hanno una funzione di “sentinella” dell’andamento epidemiologico. L’approccio “epidemiologia delle acque reflue” si è dimostrato, infatti, affidabile nella sorveglianza dell’evoluzione dell’epidemia, riuscendone a prevedere la curva con 7-14 giorni di anticipo rispetto ad altri metodi, e potrà essere utilizzato anche in futuro per il monitoraggio di eventuali altri virus con potenziale epidemico/pandemico.

«Mettersi a disposizione di istituti di ricerca così qualificati è per noi estremamente importante perché ci consente di acquisire nozioni essenziali per la messa a regime di tecniche analitiche innovative per il monitoraggio da utilizzare in futuro nel nostro laboratorio. Non è la prima volta che questo succede, ma il lavoro fatto in questi mesi di pandemia ha valenza ancora maggiore», ha dichiarato il Responsabile del Laboratorio Analisi di Padania Acque Paolo Vicentini.

© Riproduzione riservata
Commenti