Cronaca
Commenta

Grosso ramo si spezza davanti
all'A.Frank: auto danneggiata

Un grosso tronco è caduto oggi nella tarda mattinata in via Novati a pochi metri dall’ingresso della scuola media Anna Frank. Solo per un caso fortunato non passava nessuno in quel momento sul marciapiede, ma ad avere la peggio è stata una Citroen parcheggiata tra le piante. In questi giorni la scuola è sede di esami e pur non essendoci il via vai di ragazzi e famiglia come durante l’anno scolastico, il flusso è continuo.

Sono stati immediatamente chiamati i Vigili del Fuoco che hanno tagliato la pianta e a cui successivamente si è aggiunta una pattuglia della Polizia Locale e personale del verde di Aem. La rottura e lo schianto del tronco, del diametro di circa 50 cm, sono stati seguiti quasi in diretta dal personale scolastico dell’Anna Frank, tra cui il professore Francesco Custode, tra l’altro attivista di Legambiente: “Cose del genere non dovrebbero succedere, il livello di sicurezza davanti alle scuole dovrebbe essere moltiplicato, serve un monitoraggio capillare delle condizioni degli alberi. In questo caso il tronco caduto non era certamente sano, almeno 40 cm mostravano segni di decadimento. Oltretutto qui all’Anna Frank c’è stato un precedente, ancora più grave, due anni fa, quando una pianta si è abbattuta sul ballatoio dell’edificio. Occorre lavorare sulla prevenzione, sulla sicurezza non si scherza”.

Un monitoraggio dello stato di salute degli alberi, per la verità, commissionato dal Comune allo studio associato Miceli – Scolari, è stato consegnato poco più di un mese fa e l’ente locale ha predisposto un piano di interventi di potature e tagli in varie zone della città. Non è noto quale classificazione avessero le piante di via Novati e questa in particolare.

Prima di provvedere alla rimozione del tronco, si è dovuto attendere l’arrivo di una pattuglia delle Locale, per il rilievo dei danni subito dall’auto parcheggiata. Oggi peraltro le condizioni meteo non lasciavano presagire nulla del genere visto che non c’è vento. gb

© Riproduzione riservata
Commenti