Cultura
Commenta

Premio Bukowski, poesia inedita
La vincitrice è di Soncino

La VIII edizione del Premio Letterario Nazionale Bukowski, organizzato da Associazione Culturale I soliti ignoti in collaborazione con Giovane Holden Edizioni, presieduto da Simona Viciani, traduttrice ufficiale di Bukowski per l’Italia, si archivia con tre vincitori, su 772 partecipanti e 90 finalisti. Tra i premiati, anche una soncinese.

Il Primo Premio Romanzo inedito è stato assegnato a Pierfrancesco Mastroberti, di Potenza, con “L’eredità di Gregor”. La motivazione: “Romanzo breve che si caratterizza sia per una coraggiosa intesa di partenza ovvero l’approccio a un classico della letteratura del calibro di La metamorfosi di Kafka, sia per una originale struttura narrativa. Intenso, avvincente, atmosfere rarefatte e un linguaggio scevro da sensazionalismi”.

“Io e Berp” di Elena Marrassini di Pistoia ha vinto il Primo Premio Racconto inedito. La motivazione: “Il racconto scorre veloce e discreto. La storia di un’amicizia particolare, il cui vero valore sarà riconosciuto dal narratore solo dopo molti anni. L’ambientazione, gli eventi, i sentimenti dei personaggi si intrecciano con armonia e incisività, come in un bassorilievo”.

Anna Martinenghi, di Soncino, con la lirica “Fate conto di essere matti”, ha ottenuto il Primo Premio Poesia inedita. La motivazione: “Elogio della follia in versi, un lirico invito alla libertà, di pensiero e di azione, alla protesta, alla ribellione e al rifiuto delle regole. Esortazione mai così necessaria come nei giorni difficili nei quali stiamo vivendo”.

Il primo classificato di sezione – romanzo, racconto e poesia – riceve in premio la pubblicazione del proprio lavoro nelle collane di narrativa e poesia di Giovane Holden Edizioni.

© Riproduzione riservata
Commenti