Cronaca
Commenta

Morte Sakshi, il vicepreside del
Galilei: "Era una ragazza mite"

Sgomento e tristezza tra gli insegnanti dell’Itis Galilei, specialmente tra quelli della 5A – Chimica. I professori di Sakshi Panesar, la 18enne trovata morta ieri nelle acque del canale Vacchelli, sono provati.

“Ieri hanno tenuto un meet con tutta la classe – spiega il vicepreside Davide Pagliarini – La commissione d’esame si riunirà domani. Sono tutti sconvolti, sia i ragazzi che gli insegnanti”.

La giovane è stata trovata ieri, senza vita, da alcuni passanti che hanno dato l’allarme. I soccorsi sono arrivati subito a quel tratto di canale chiamato “il mare dei poveri”, ma per la ragazza non c’è stato nulla da fare. Una disgrazia che nel pomeriggio si è ingigantita, perché poco distante da dove è stata recuperata Sakshi, è stato rinvenuto anche il corpo del suo amico – coetaneo, residente a Guastalla (RE) – Hartik Kumar Sharma, anche lui vittima delle correnti del canale.

Sakshi, residente a Soncino, avrebbe dovuto sostenere l’esame di maturità nei prossimi giorni. Descritta da tutti come un’ottima studentessa, precisa e volenterosa, il vicepreside la ricorda come una ragazza “mite, rigorosa e coscienziosa”.

Ora si attende l’autopsia dei due ragazzi, che sarà eseguita a Cremona nei prossimi giorni e dovrà stabilire la causa della morte. Per i carabinieri, che si stanno occupando delle indagini, l’ipotesi più accreditata è che uno dei giovani abbia cercato refrigerio nelle acque del canale e che l’altro abbia tentato di salvarlo. L’epilogo, purtroppo, è stato ben diverso.

Ambra Bellandi

© Riproduzione riservata
Commenti