Cronaca
Commenta

Carenza medici di base:
ne mancano 59 in provincia

In provincia di Cremona mancano 59 medici di base, dei quali ben 32 nel Cremasco. “Numeri elevati che determinano il fatto che molti cittadini non sanno a chi rivolgersi quando hanno un problema, spesso di piccola entità”, commenta il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni.

Gli ultimi bandi promossi da ATS non hanno avuto il successo sperato e, proprio in questo periodo, ne è stato pubblicato un altro che scadrà il prossimo 9 luglio. A questo problema si aggiungono le ore di incarichi di Continuità Assistenziale rimaste vacanti dopo la pubblicazione del bando del marzo 2021: in tutta l’ATS Valpadana sono 2.825: in pratica, un anno intero senza guardia medica. Questi dati sono statipubblicati dal Sisac, la Struttura Interregionale Sanitari Convenzionati.

“Nei giorni scorsi abbiamo effettuato una serie di proposte alla Regione proprio per affrontare quella che, insieme alla ripresa dell’attività sanitaria ordinaria e al completamento della campagna vaccinale, è diventata una vera e propria emergenza”. Tra queste, gli incentivi ai medici di medicina generale per coprire gli ambiti territoriali carenti da almeno 12 mesi concedendo per i primi 5 anni spazi pubblici in concessione gratuita da utilizzare come studio, e rimborsando fino all’80% le spese sostenute per l’assunzione di personale infermieristico e amministrativo, insieme alla possibilità di aumentare il numero di pazienti che i medici in formazione possono convenzionare, come sostituti, dai 500 pazienti attuali a 1500.

“Per quanto riguarda le Case di Comunità previste dal Governo (Presst), dare la priorità a quei territori maggiormente scoperti come il nostro. Sono proposte concrete che ci attendiamo di discutere con chi guida la Regione, perché il la mancanza di medici di medicina generale è ormai un’emergenza”.

© Riproduzione riservata
Commenti