Cronaca
Commenta

Cimiteri: finanziamento da regione
per San Martino del Lago e Tornata

Firmato il decreto che dispone la graduatoria del bando finalizzato alla messa in sicurezza dei cimiteri dei piccoli Comuni lombardi sotto i 5.000 abitanti, proposto dall’assessore a Enti locali e Piccoli Comuni, Massimo Sertori. La misura, con una dotazione economica di 1 milione di euro, finanzia interventi strutturali da concludersi entro il 30 novembre 2021 e l’acquisto di attrezzature. L’importo del finanziamento, in capo a ogni singolo beneficiario, indipendentemente dagli interventi inseriti nella sua domanda, non può essere superiore a 20.000 euro.

Per la provincia di Cremona sono state presentate 76 domande, ammesse 71, finanziate 2, ovvero San Martino del Lago e Tornata.

Soddisfatto l’assessore regionale Sertori. “A oggi – afferma l’assessore Sertori – sono state presentate 603 domande, di cui 581 ammesse e 22 non ammesse. Data la dotazione finanziaria attuale di euro 1.000.000, saranno finanziate le 53 domande con punteggio più alto, alta classe di svantaggio e minore popolazione. La dimensione demografica è un fattore essenziale, privilegiati i piccolissimi Comuni”.

“Sono molti i Comuni lombardi – spiega l’assessore Sertori – che mi hanno segnalato la necessità di dover realizzare opere nei cimiteri e di sopperire alla mancanza di attrezzature utili alla gestione delle sepolture”. “Grazie a questa misura – continua – abbiamo intercettato una reale esigenza andando a migliorarne non solo l’infrastruttura ma anche ad efficientarne la gestione nel medio-lungo periodo”.

“La graduatoria degli interventi ammissibili ma non finanziati per carenza di risorse – conclude l’assessore Sertori – resterà valida per dodici mesi successivi alla sua approvazione, con la possibilità che si rendano disponibili ulteriori risorse regionali”.

Il bando regionale è volto all’acquisizione di aree, espropri e servitù onerose necessari all’ampliamento cimiteriale; alla costruzione, alla demolizione, alla ristrutturazione, al recupero e manutenzione straordinaria di opere e impianti cimiteriali; all’acquisto di attrezzature ad utilizzo pluriennale funzionali all’attività cimiteriale.

Il contributo è ammesso anche per più cimiteri situati nel territorio del beneficiario, mentre non è rivolto né agli interventi di ordinaria manutenzione né alla copertura degli oneri della gestione ordinaria dei cimiteri comunali.

Il contributo è inoltre escluso per i soggetti beneficiari che, a partire dall’anno 2018, abbiano già fruito, per il medesimo cimitero, di finanziamenti regionali.

© Riproduzione riservata
Commenti