Cronaca
Commenta

Cremona Solidale, Bruschi: "Grande
entusiasmo per la nuova sfida"

Grande entusiasmo per una nuova sfida tutt’altro che semplice: dirigere una Rsa traghettandola all’interno dell’ormai prossima riforma sanitaria regionale. Questo lo spirito con cui Alessandra Bruschi si appresta a prendere in mano le redini di Cremona Solidale, dopo la nomina a direttore generale avvenuta nei giorni scorsi da parte del Cda dell’azienda.

“La sfida è grande” ha commentato la neo-direttrice “Credo che il mio interesse verso questo tipo di azienda sia proprio dettato dai bisogni delle persone, che sono sempre più territoriali, e questo rappresenta un punto di rilancio e di relazioni rispetto a tutto il territorio e anche rispetto alla sfida della riforma lombarda”.

Forte quindi la voglia di partire, soprattutto da un territorio, come quello Cremonese, che Alessandra Bruschi ha già vissuto, quando ha ricoperto il ruolo di direttore amministrativo dell’Asst locale dal 2016 al 2019.

“Vivo a Cremona da 5 anni, con i miei bambini e quindi credo questa sia una ripartenza da casa. Desidero mettere le mie competenze al servizio del territorio in cui abito”.

Considerando come è cambiato negli ultimi anni il mondo delle Rsa, la prova principale sarà quella di guardare verso il futuro del sistema sociosanitario territoriale. “La mia ultima esperienza a San Marino mi ha consentito di vedere come funziona la sanità di uno stato a 360 gradi, toccando con mano esigenze degli anziani e cronicità e lo sviluppo della sanità del territorio. Credo che Cremona Solidale rappresenti la sintesi di queste sfide, che devono essere il punto di partenza e di rilancio per un sistema sanitario che ha bisogno di dare ai cittadini risposte che vanno in quella direzione”.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti