Cronaca
Commenta

Rapinano un coetaneo minacciandolo
con un coltello, due arrestati

Hanno rapinato un coetaneo minacciandolo con un coltello, ma non l’hanno fatta franca, inchiodati poco dopo dai Carabinieri di Cremona, sotto la guida del maggiore Rocco Papaleo. Nei guai sono finiti due giovanissimi, di origini romene, pregiudicati, di cui uno minorenne. La vicenda si è verificata intorno all’una di notte, in piazza Risorgimento. Con la scusa di dover fare una telefonata d’emergenza, i due hanno chiesto il telefono alla vittima che in buona fede lo ha ceduto.

Una volta nelle mani di uno dei due malviventi, questi ha intimato al 19enne di dargli il codice d’accesso, mentre l’altro lo minacciava con un coltello svizzero. Prima di dileguarsi, i due, oltre al cellulare, hanno rubato al ragazzo anche la somma di 100 euro. La vittima, non appena raggiunta la sua abitazione poco distante, ha richiesto l’aiuto dei carabinieri.

L’avvocato Curatti

La pattuglia, allertata dalla centrale operativa, si è quindi messa subito sulle tracce dei due giovani rapinatori che circa 20 minuti dopo, grazie anche alla minuziosa descrizione fatta dal 19enne, sono stati individuati nei pressi di via Brescia. Una volta recuperata la refurtiva, i carabinieri hanno proceduto all’arresto in flagranza dei rapinatori.

Per i due giovani è stato disposto l’immediato trasferimento in carcere per il maggiorenne e la collocazione presso una comunità di recupero per il minore.

Il maggiorenne è difeso d’ufficio dall’avvocato Luca Curatti. Domani alle 11 l’udienza di convalida dell’arresto.

© Riproduzione riservata
Commenti