Ambiente
Commenta

Gev: ecco i compiti delle nuove
guardie ecologiche del parco

Gestione, definizione dei ruoli e dei compiti delle Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) che operano nell’ambito del Parco Sovracomunale di Interesse Locale (PLIS) del Po e del Morbasco. Questa la principale finalità dell’incontro, tenutosi nel pomeriggio nella Sala Zanoni di via del Vecchio Passeggio, tra i referenti dei Comuni del PLIS.

Un’importante occasione di confronto, nel corso del quale il vice sindaco Andrea Virgilioin rappresentanza del Comune di Cremona, sindaci e refenti dei Comuni aderenti al PLIS del Po e del Morbasco – tra cui Roberto Mariani di Stagno Lombardo, Graziella Locci e l’assessore Fabio Boldori di Castelverde, Luca Ferrarini di Bonemerse, Carla Franca Pignoli, assessore di Sesto ed Uniti, Davide Persico di San Daniele Po – hanno incontrato le GEV già attive sul territorio, coordinate da Danio Milanesi. Erano inoltre presenti Mara Pesaro e Cinzia Vuoto, rispettivamente dirigente del Settore Ambiente e responsabile del Servizio di Vigilanza Ecologica del Comune di Cremona, e Mariarosa Bricchi, Comandante ad interim della Polizia Locale di Cremona.

Con l’approvazione del Regolamento del servizio di vigilanza ecologica volontaria e i conseguenti decreti comunali, si è concluso il percorso che rende d’ora in poi operative le GEV sull’intero territorio dei Comuni del PLIS del Po e del Morbasco. Il Comune di Cremona è l’Ente referente di questo servizio e ne coordina l’organizzazione, in linea con le direttive regionali ed in stretto contatto con i referenti individuati da tutti i Comuni del PLIS, così da rendere più funzionale ed efficace la gestione delle attività di controllo, nonché l’attuazione dei progetti che le singole amministrazioni intendono avviare a tutela di questo importante patrimonio naturale“, dichiara al riguardo il vice sindaco Andrea Virgilio.

Le GEV sono volontari che dedicano il proprio tempo libero alla difesa dell’ambiente e rivestono la funzione di pubblico ufficiale svolgendo anche compiti di vigilanza e verificando il rispetto della normativa ambientale. Esercitano inoltre attività di carattere educadivo relazionandosi con le scolaresche e con i cittadini in generale, danno informazioni sulle norme e sui comportamenti per la tutela dell’ambiente, partecipano a monitoraggi e progetti naturalistici collaborando con le autorità competenti. Le GEV cooperano con la Polizia Locale nell’attività di controllo dei parchi, collaborano con i Carabinieri Forestali e supportano il Servizio nazionale della Protezione Civile per la prevenzione degli incendi boschivi.

Attualmente sono 18 le GEV impegnate all’interno del PLIS del Po e del Morbasco, di cui 17 operative ed una onoraria, un numero sicuramente importante visto che si tratta di persone che svolgono questo servizio da volontari. Con l’aumento della superficie complessiva del Parco Locale di Interesse Sovracomunale si è manifestata la necessità di incrementare il loro numero non solo per operare un controllo locale ancora più capillare, ma anche per realizzare le numerose iniziative che, da diversi anni, rendono questi volontari protagonisti. Per questo motivo il Comune di Cremona si è fatto promotore del nuovo corso di formazione per l’anno 2021 per diventare Guardie Ecologiche Volontarie (GEV), corso gratuito che, a partire dal 6 settembre prossimo, si terrà in modalità online su piattaforma dedicata su indicazione di Regione Lombardia in collaborazione con il Comune di Inverno e Monteleone (Pavia).

© Riproduzione riservata
Commenti