Cultura
Commenta

La Giustizia: mostra promossa
da "Alina Art Foundation''

Dal 23 settembre al 10 ottobre Palazzo Calciati Crotti a Cremona ospita la mostra sulla Giustizia della fondazione “Alina Art Foundation”.

 

Per la prima volta in un palazzo storico dove la storia vive tra le sue sontuose mura, l’anima contemporanea di 26 artisti dovrà affrontare l’immortalità dell’arte rinascimentale per confrontarsi con il valore di tutti tempi, la giustizia.

Palazzo Calciati Crotti nacque per volontà del conte Cesare Calciati che fece costruire l’edificio tra il 1763 e il 1766. Il palazzo, dimora nobiliare che ha mantenuto intatte le decorazioni interne, compreso il mobilio, le tappezzerie e le suppellettili, si trova nel cuore della città di Cremona. La storia di questo edificio è strettamente connessa a quella della famiglia Calciati che ne è tuttora proprietaria con le contesse Anna e Giuseppina Calciati Crotti. Il palazzo che negli anni si arricchì via via di un sontuoso apparato decorativo, con affreschi di pittori di scuola cremonese, è stato sapientemente restaurato tra 2012 e 2015.

La mostra che sarà quindi un ponte solido tra l’arte rinascimentale della collezione d’arte del Palazzo Calciati-Crotti e l’arte contemporanea e’ nello stesso tempo un viaggio introspettivo tra i due percorsi artistici:

la ”Giustizia” negli occhi dei 26 artisti affermati nel panorama nazionale e internazionale

”26” un percorso di 26 quadri realizzati da Sanda Sudor (26 quanti gli anni di Alina al momento della tragedia), ogni quadro dedicato ad un anno di vita e tutti insieme interconnessi di un unico filo conduttore.

La mostra è stata strutturata dal presidente della Fondazione Alina Art Foundation, Sanda Sudor insieme all’artista Antonio Catalani e a Caterina Zanardi Landi responsabile degli eventi del palazzo con un programma ricco di vari appuntamenti partendo dall’inaugurazione del 23 settembre ore 18, ai 6 talk show di artista per chiudere il 9 ottobre con il convegno sulla giustizia ” Quando la giustizia diventa l’ingiustizia”.

© Riproduzione riservata
Commenti