Cronaca
Commenta

Olimpiade della Liuteria, ultime
battute: mercoledì premiazione

Sono oltre 200 i Maestri provenienti da 35 diversi Paesi iscritti al XVI Concorso Triennale Internazionale di Liuteria “Antonio Stradivari” di Cremona, che si sfidano per eccellere sia nella qualità artigianale sia nella resa acustica. Ad analizzare gli strumenti, senza naturalmente sapere chi sia l’autore, è la giuria presieduta da Paolo Bodini. «Gli strumenti pervenuti sono stati circa 280, una ventina sono stati esclusi per varie ragioni fra cui segni di riconoscimento, e circa una metà hanno raggiunto la prova acustica finale che si è tenuta questa mattina», spiega Bodini.

Fra i giurai-liutai c’è Ulrike Dederer, che nel 2012 è stata la prima donna ad aggiudicarsi l’ambito premio con una viola, e ora illustra i parametri di analisi degli strumenti partecipanti all’Olimpiade della Liuteria: «Ci sono 4 categorie da valutare: la tecnica, la montatura, la vernice e lo stile ossia se lo strumento ha carattere».

Se i maestri esaminano gli strumenti a porte chiuse nel padiglione Amati, i giurati-musicisti come il violinista Edoardo Zosi lavorano invece nell’Auditorium Arvedi, la cui pregevole acustica valorizza le potenzialità degli archi. «Fra noi giurati c’è una grande intesa ed è davvero una bella esperienza collettiva», ha raccontato l’artista.

Gli strumenti che vinceranno la medaglia d’oro saranno acquistati dalla Fondazione Museo del Violino ed entreranno nella Collezione Permanente di liuteria contemporanea. La cerimonia di premiazione si terrà mercoledì alle 20:30 al teatro Ponchielli, con ingresso gratuito per il pubblico previo ritiro del biglietto a Palazzo dell’Arte.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti