Cronaca
Commenta

"Avifauna Plis Po e Morbasco":
il libro di Riccardo Groppali

Riccardo Groppali, biologo di fama, particolarmente appassionato della sua terra, ha dedicato al Parco Locale di Interesse Sovracomunale (Plis) del Po e del Morbasco una nuova ed agile pubblicazione che introduce alla conoscenza e solletica l’attenzione, anche degli ornitologi non esperti, di un ambiente di straordinaria ricchezza naturalistica come il ‘nostro’ medio corso del Po.

Presente l’autore, la pubblicazione, dal titolo Avifauna del Plis del Po e del Morbasco, lungo il più importante corridoio ecologico della Valpadana, sarà presentata martedì 14 dicembre, alle ore 16, nella Sala Puerari di Palazzo Affaitati (via Ugolani Dati, 4). Per l’occasione verrà distribuita ai presenti una copia del libro, che fa seguito a quello del 2018 intitolato Avifauna del Morbasco – piccolo fiume della bassa pianura cremonese.

La pubblicazione è articolata suddividendo l’avifauna che è possibile incontrare ‘appena fuori casa nostra’ a seconda che si tratti di specie stanziali, nidificanti o meno, oppure specie migratrici. Ad ogni tipologia sono correlati gli ambienti di elezione.

La conoscenza è il primo passaggio verso la comprensione e la tutela di un patrimonio della collettività. I Comuni aderenti al PLIS si stanno pertanto impegnando anche in questi percorsi di educazione ambientale e di sensibilizzazione oltre che nella valorizzazione di queste bellissime aree.

Un’occasione, quella offerta dal nuova pubblicazione di Riccardo Groppali, per lasciarsi condurre attraverso il volo di tanti splendidi animali da imparare a riconoscere, lungo le sponde del Po, il più importante corridoio ecologico della Valpadana.

Per partecipare all’incontro pubblico, organizzato e promosso dal Settore Area Vasta del Comune di Cremona, è obbligatoria la prenotazione inviando un’email all’indirizzo areavasta@comune.cremona.it o telefonando ai numeri 0372-407528 o 0372-407672. Per accedere alla Sala Puerari dovrà essere mostrato il green pass e indossare la mascherina.

© Riproduzione riservata
Commenti