Cronaca
Commenta

Consumo di suolo, nel 2020 "spariti"
56,5 ettari di terreno coltivabile

La lombardia è maglia nera in Italia, con oltre 765 ettari di suolo coltivabile scomparso nel 2020. I dati sono stati elaborati da Coldiretti sulla base degli ultimi dati Ispra, da cui emerge come la nostra Regione sia quella con la percentuale più alta di suolo consumato, il 12,1%.

Per quanto riguarda le singole province, Cremona è nella media regionale con il 10,5% di suolo complessivamente consumato e un incremento di ettari nel 2020 pari a 56,5 rispetto all’anno prima. Secondo Carlo Maria Recchia, originario di formigara e delegato di Giovani Impresa Coldiretti Lombardia, il problema principale sta nell’installazione di fotovoltaico a terra.

Nel dettaglio, in provincia di Cremona (capoluogo escluso) il Comune che nel 2020 si è visto togliere più suolo è quello di Piadena Drizzona con 7,21 ettari. -6 a Robecco d’Oglio, 3 a Offanengo. più in generale il Comune con la percentuale più alta di suolo consumato è Cremona, 28%, seguito da Monte Cremasco 27,6% e Crema, 23,4%.

Giovanni Rossi

© Riproduzione riservata
Commenti