Cronaca
Commenta

Lascia in eredità a cani e gatti
una parte del suo patrimonio

Ha destinato una proprietà agli animali abbandonati e sfortunati, ospiti del canile e gattile di Cremona, così come disposto nel suo testamento. Si tratta di una casa padronale. L’autrice di questo lascito è una signora di Sesto, paese alle porte di Cremona. Un gesto, il suo, di amore e di solidarietà per questi animali che, in tempi di difficoltà economica come questi, si rivela utilissimo per migliorare la qualità della vita di centinaia di animali abbandonati. La donazione sarà gestita dai legatari, cioè il Comune di Cremona, che inserirà il bene ereditato nel piano delle alienazioni. Dunque sarà venduto e il ricavato poi andrà al rifugio del cane e del gatto. L’iter burocratico in questi casi non è cosi breve, dunque ci vorrà qualche mese prima che gli amici a quattro zampe possano beneficiare di questa preziosa eredità. Non è la prima donazione che viene fatta ai cani e gatti della città. Dieci anni il gioielliere Luciano Somenzi, generoso benefattore, si ricordò di loro nel suo testamento, suo desiderio era che il 5% del suo cospicuo patrimonio andasse in parti uguali al rifugio del cane e al gattile, un altro 5% alla fedele governante e il restante 90% all’ospizio di Cremona per costruire una nuova palazzina.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Commenti