Spettacolo
Commenta

Applausi al Ponchielli
per "La fanciulla del West"

“Non ci sono cowboys e pistoleri in questa rappresentazione perché nulla hanno a che fare con l’opera, piuttosto raccontiamo il microcosmo dei minatori fatto di isolamento, frustrazione e routine. Poi certamente, c’è anche l’amore”. Così il regista Andrea Cigni racconta ‘La Fanciulla del West’ di Puccini di cui ha firmato l’allestimento per i teatri di OperaLombardia, titolo in scena ieri sera al Ponchielli con la direzione musicale del Maestro Valerio Galli.

“C’è un enorme dinamismo in quest’opera, è un colossal americano con musiche epiche da Far West classico, si tratta di un capolavoro di Puccini sebbene a torto non sia famoso come Tosca e Turandot” spiega il Maestro Galli, che ha condotto l’orchestra I Pomeriggi Musicali nel golfo mistico di Cremona. Sul palco, gli artisti Rebeka Lokar Sergio Vitale Angelo Villari rispettivamente nei ruoli di Minnie Jack Rance Dick Johnson, con il coro OperaLombardia guidato da Diego Maccagnola. Insieme hanno interpretato l’opera dal lietofine in chiaroscuro: da un lato il futuro che si profila per Minnie e Dick, dall’altro l’addio struggente fra la donna e i minatori. ‘La Fanciulla del West’ sarà in replica al Ponchielli domenica alle15:30.

Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti